Si costituisce dopo l'evasione, poi devasta due celle nel carcere dei "Casetti"

Un 25enne ha iniziato a dare in escandescenza diventando una vera e propria furia tanto che il personale della Penitenziaria non è riuscito a trattenerlo

Momenti di tensione, nella giornata di sabato, nel carcere riminese dei "Casetti" dove un detenuto ha dato in escandescenza devastando due celle. Secondo quanto ricostruito il malvivente, un 25enne magrebino, si trovava ai domiciliari nella sua abitazione di Bologna per una serie di reati. Il giovane, però, ha deciso di evadere ma, la sua latitanza, è durata giunto il tempo di raggiungere Rimini dove si è consegnato alla polizia Penitenziare della casa circondariale. Gli agenti hanno avviato le pratiche per la sua carcerazione ma, all'improvviso, il 25enne ha iniziato a dare in escandescenza diventando una vera e propria furia tanto che il personale della Penitenziaria non è riuscito a trattenerlo. Il magrebino ha completamente devastato due celle distruggendo quanto trovava a portata di mano. A finire in frantumi è stato il televisore, la branda e gli altri suppellettili prima che arrivassero i rinforzi e si riuscisse a sedare l'esagitato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nonostante le continue rassicurazioni delle istituzioni - commenta il delegato regionale del Sappe (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria), Massimiliano Vitale - la situazione all'interno dei Casetti rimane molto preoccupante anche perchè siamo arrivati al quinto dirigente temporaneo e, purtroppo, da anni non abbiamo un direttore in pianta stabile. A tutto questo c'è da aggiungere che, con l'arrivo dell'estate da sempre periodo molto critico, non c'è traccia dell'arrivo di rinforzi. Quella dell'organico è una carenza che, a lungo andare, fiacca quanti si danno da fare per mantenere l'ordine all'interno del carcere e che, inoltre, nella serata di domenica hanno dovuto saltare la cena per l'assenza dell'addetto alla mensa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento