Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Denuncia la sua intera famiglia per stalking, si apre il processo

La ragazza, dopo il matrimonio, sarebbe stata minacciata di morte dai parenti contrari all'unione

Una vicenda particolarmente spinosa quella che vede un intero nucleo famigliare, padre, madre, fratelli e cugini finiti a processo per stalking e difesi dall'avvocato Maria Luisa Trippitelli. A puntare il dito contro di loro è stata la figlia che, dopo il matrimonio fatto senza il consenso dei genitori, l'avrebbero continuamente minacciata di morte. I fatti risalgono al periodo tra il 2010 e il 2011 quando, dopo le nozze, la ragazza sarebbe radicalmente cambiata dando il via a una serie di litigi sempre più aspri. Il motivo del contendere è che, la madre dell'accusatrice, non avrebbe gradito i nuovi parenti iniziando così una serie di minacce anche al marito della figlia. Tra i litiganti sono così partite una serie di denunce e controdenunce l'ultima delle quali vede l'intero nucleo famigliare della ragazza finito a processo con l'accusa di atti persecutori. Il dibattimento si è aperto nella giornata di lunedì e, sul banco dei testimoni, si è seduta la ragazza che ha raccontato delle continue minacce. A testimoniare anche un sacerdote che, nel corso della vicenda, aveva cercato di fare da paciere tra i due gruppi opposti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denuncia la sua intera famiglia per stalking, si apre il processo

RiminiToday è in caricamento