Matrioska #13 pronto al via negli ex magazzini Enel

Il sindaco Gnassi: "Un appuntamento che, ogni volta, ci fa scoprire una parte invisibile di Rimini"

Ancora una volta “Matrioska Lab Store ci ha permesso di scoprire un pezzo di Rimini invisibile, e già solo per questo andrebbero ringraziati” ma soprattutto il percorso di Matrioska Lab Store “è una fotografia del cammino di una città che ha provato a pensare a come resistere in questi tempi difficili, inventando e reinventandosi”. Parola del sindaco di Rimini Andrea Gnassi che questa mattina ha presentato, insieme agli organizzatori Carlotta Frenquellucci e Roberto Biondi, la prossima edizione di Matrioska Lab Store, l’evento-contenitore per artisti, artigiani e designer, che da venerdì 11 a domenica 13 maggio riporterà la luce negli ex magazzini Enel di via Destra del Porto 57, uno spazio più di 6000 metri quadrati, di cui quasi 2000 coperti. Come spiega il sindaco di Rimini Andrea Gnassi “a Rimini è in corso un progetto dichiarato di rigenerazione urbana, noi nel frattempo abbiamo usato il ‘frattempo’, abbandonando l’idea del consumo di spazi a favore del riuso consapevole dei luoghi, che nel caso di Matrioska porta a un valore enorme, cioè la possibilità di esprimere il proprio talento”.

Secondo il primo cittadino “possiamo dire che tutto ciò che Matrioska ha toccato si è avviato in una buona direzione, e ancora una volta questo evento ci ha permesso di scoprire un pezzo di Rimini invisibile: non è solo fortuna ma è una visione, un’idea, che si è sviluppata grazie al dialogo con l’amministrazione senza nessuna imposizione. Per noi Matrioska- continua Gnassi- è una delle cose buone di questa città, e questo protagonismo merita un suo spazio: è tempo di dare una sede fissa a questo viaggio fatto di talento e fermento creativo. Vogliamo a Rimini un centro di gravità permanente della creatività”. 

Come ricordato dall’organizzatrice della manifestazione, Carlotta Frenquellucci, “abbiamo seguito il percorso di riqualificazione dell’amministrazione, inserendoci in un tragitto ideale che parte dalla nuova piazza sull’acqua del ponte di Tiberio, prosegue per la passerella sospesa e si conclude dove a breve ci sarà il Parco del Mare”. Del resto, ricorda Roberto Biondi “la nostra presenza serve a riaprire in maniera forte i luoghi, riconsegnandoli come nel caso dell’ultima edizione anche a più di 10.000 persone: in questo abbiamo il coraggio di definirci pionieri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento