Dovevano trovarsi in carcere, invece giravano per la città: arrestati due uomini

I carabinieri hanno rintracciato gli stranieri durante le attività di controllo

I Carabinieri della Stazione di Viserba hanno rintracciato mercoledì e arrestato, in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rimini, Z. A., albanese classe 1967, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo doveva scontare la pena residua di anni 3, 6 mesi e 19 giorni di reclusione quale cumulo di pene detentive emesse, con sentenze passate in giudicato, nell’ambito di due procedimenti penali per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Inoltre, sempre nel tardo pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Rimini Porto hanno rintracciato e arrestato, in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, R. P. S., cittadino rumeno classe 1965, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo doveva scontare due mesi di reclusione quale pena detentiva residua di una condanna a lui comminata, con sentenza passata in giudicata, per le reiterate violazioni delle prescrizioni impostegli da una misura di prevenzione cui era precedentemente sottoposto. Entrambi gli uomini, espletate le formalità di rito, sono stati portati in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

Torna su
RiminiToday è in caricamento