Evasori nel mirino del Comune, Confesercenti: "Dobbiamo combattere furbi e opportunisti"

Mirco Pari: "E' un segnale di civiltà ed equità, le regole si devono rispettare. Rimini conta 8 milioni di evasione di Tari"

Sospensione di tre mesi per chi non paga i tributi locali: Confesercenti plaude al nuovo regolamento che l’amministrazione riminese porterà in consiglio comunale a settembre. “Un segnale di civiltà ed equità”, dice Mirco Pari, direttore Confesercenti Provinciale. “Finalmente è stato impostato un provvedimento di cui c’è necessità - prosegue Pari -; d’intesa con l’Anci, all’interno del decreto crescita, dal giugno scorso i comuni hanno uno strumento in più per porre fine a un’ingiustizia fiscale. Noi siamo decisamente favorevoli, in particolare in quanto il provvedimento è esteso a tutti i tributi comunali e in quanto poggia su due principi fondamentali. Che sono il principio di giustizia, le regole si devono rispettare, dobbiamo combattere furbi e opportunisti, e il principio di equità nei confronti dei cittadini e imprenditori che pagano regolarmente i tributi locali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La stanagata per gli evasori: il nuovo provvedimento

Rimini conta circa 8 milioni di evasione di Tari, circa il 20 per cento dei riminesi non paga la tassa sui rifiuti. “L’aspetto più odioso in questo è che chi è in regola con il tributo si deve fare carico anche del costo del servizio di chi non paga la Tari. Importante è il fatto che nel regolamento è previsto in caso di vendita, che il debito tributario ricade sull’acquirente, questo per ovviare al problema delle chiusure e aperture di nuove società. Quindi o si compensa prima o il nuovo proprietario è consapevole che si dovrà fare caricato del debito precedente. Sul discorso dello stato di necessità, per rateizzare il dovuto e aiutare chi è in effettiva difficoltà con i pagamenti, i comuni dovranno verificare ed evitare che la dilazione negli anni finisca nel dimenticatoio”. Il primo Comune a muoversi sul regolamento tributario è stato quello di Riccione. “E’ partito con molto coraggio, in quanto il regolamento non era sorretto dalla normativa, Rimini adesso si è mosso sostenuto dalla legge nazionale. L’augurio è che ora tutti i comuni si adeguino, c’è tutto il tema del debito tributario che ricade sugli enti stessi ma anche sui cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento