Ex Terminator, firmato il contratto per trasformarlo in un caffè culturale

La struttura abbandonata nella zona della stazione ferroviaria sarà destinata alla somministrazione di alimenti e bevande con la possibilità di ospitare eventi di intrattenimento

Nuovo passo avanti verso la realizzazione del nuovo caffè culturale in zona stazione. Ieri mattina è stato sottoscritto il contratto tra l’Amministrazione e la National Drink, la società che si è aggiudicata la concessione  dell’immobile comunale situato in piazzale Cesare Battisti 21, conosciuto come ‘ex Terminator’. Il contratto ha una durata di 18 anni e prevede che la società si faccia carico degli interventi di recupero, riqualificazione, sistemazione dello spazio e dello spazio esterno, che comprende anche l’area verde del ‘Giardino Silver Sirotti’ e che attualmente versa in condizioni di degrado. L’immobile sarà destinato alla somministrazione di alimenti e bevande con la possibilità di ospitare eventi di intrattenimento culturale. “Un intervento importante – ha commentato l’assessore al Patrimonio Gian Luca Brasini – che si inserisce nel più ampio progetto di riqualificazione e trasformazione urbana dell’intera zona della stazione ferroviaria di Rimini, una delle porte di accesso principali della città. L’ex Terminator in particolare è in un punto strategico, nell’incrocio tra il centro storico e il mare, snodo di passaggio per migliaia di turisti e riminesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento