Rimini festeggia la Repubblica insieme alle forze armate nel nome della Trasparenza

Visite guidate dei palazzi pubblici di Piazza Cavour per conoscere dall’interno la storia e la vita degli antichi palazzi dell’Arengo, del Podestà e Garampi ancora oggi sede del Comune

“E’ con vero piacere che ho appreso delle molte iniziative che come Amministrazione comunale di Rimini state portando avanti nel settore della trasparenza nella PA. Come Autorità sosteniamo da tempo che essa sia il vero antidoto alla corruzione. Fare in modo che tutti i gangli vitali di un’amministrazione diventino una vera “casa di vetro” è un’operazione che da sola vale più di tante leggi.” Così ha scritto Raffaele Cantone, l’Autorità nazionale anticorruzione, nel suo saluto d’augurio agli eventi in programma questa mattina per la celebrazione del 2 Giugno giornata della Festa della Repubblica.

Accanto alla celebrazione ufficiale in piazza Cavour, infatti, con lo schieramento delle Forze Armate, delle Forze dell'Ordine e dei Corpi di Soccorso Pubblico, con la presenza dei Gonfaloni dei comuni della provincia e dei loro sindaci, coi ragazzi della scuola primaria San Fortunato dell’IC “Marvelli” che sono entrati in piazza tenendo per mano il tricolore e il presidente dell’Anpi Valter Vallicelli, con la lettura del saluto del Presidente della Repubblica, con l’intervento del Prefetto di Rimini Claudio Palomba e con la partecipazione di tanti tanti cittadini, diverse sono state le iniziative collaterali promosse dall’Amministrazione comunale di Rimini come, in particolare, l’incontro aperto alla cittadinanza sulla trasparenza amministrativa dal titolo: “Dovere delle istituzioni pubbliche e diritto dei cittadini”, che si è svolto alla presenza d’autorità e cittadini nella Sala del Consiglio comunale.

“Oggi abbiamo festeggiato la Repubblica – ha detto l’assessore alla trasparenza Irina Imola aprendo in rappresentanza dell’Amministrazione comunale l’incontro - e vogliamo farlo anche analizzando il tema complesso della trasparenza, perché crediamo che questo 2 Giugno riminese possa offrire una rinascita etica del concetto di Repubblica, nell’ottica dell’apertura e della libera partecipazione dei nostri cittadini. La Trasparenza che diviene sempre più fine e non solo strumento. La Repubblica si determina quando ogni scelta, individuale e collettiva, avviene alla presenza di partecipazione, di coinvolgimento e di fiducia. E questi non sono altro che i cardini essenziali su cui ogni democrazia veramente compiuta dovrebbe basarsi".

"Lo stesso libero accesso agli atti, la stesura del Piano anticorruzione, le diverse azioni dell’Agenda digitale riminese – ha proseguito l’assessore Imola - sono state pensate e costruite in quest’ottica, perché la chiarezza dei processi è la chiarezza dell’Istituzione. E chiarezza dell’Istituzione e delle relazioni è architrave della democrazia. Quella che oggi festeggiamo insieme alla Repubblica. La scelta dell’Amministrazione comunale di Rimini, in questo senso, è cristallina: legare cioè in 2 Giugno alla trasparenza significa far coincidere il fine con il mezzo, sapendo bene che l’uno approda all’altro e l’altro all’uno. E’ un’operazione innovativa, caratterizzata soprattutto dalla consapevolezza che non è più tempo di retorica ma di buone prassi. Oggi, è il caso di dirlo, ne diamo trasparente dimostrazione.”

A quello dell’assessore Imola, hanno fatto seguito i saluti del Presidente del Consiglio comunale Vincenzo Gallo e l’intervento del Prefetto di Rimini Claudio Palomba, preceduti dalla lettura dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone e dalla proiezione di una video-inchiesta sul tema della Trasparenza realizzata per l’occasione tra i cittadini riminesi dalla Redazioneweb del Comune di Rimini.

“Dovere delle istituzioni pubbliche e diritto dei cittadini” è stato poi il titolo dell’intervento del responsabile Trasparenza e Prevenzione Corruzione del Comune di Rimini Laura Chiodarelli, che illustrato l’impegno e le modalità con cui l’ente è impegnato non solo nell’applicazione della normativa sull’ “Amministrazione trasparente” ma soprattutto nel farne conoscere le potenzialità ai cittadini, perché quello indicato dal legislatore non sia un mero adempimento burocratico ma parte essenziale del rapporto tra amministrazione della cosa pubblica e cittadini. Proprio per questo, oltre all’incontro nella Sala del Consiglio comunale, presente tra le iniziative di quest’oggi la possibilità di effettuare negli uffici dell’Urp a tutti i cittadini che lo hanno richiesto la navigazione guidata da funzionari comunali delle pagine dedicate all’ “Amministrazione trasparente” pubblicate sul sito del Comune di Rimini.

Sono decine di migliaia le informazioni che infatti possono essere consultate nella sezione “Amministrazione Trasparente” del sito istituzionale del Comune di Rimini. Migliaia di notizie per rendere “trasparente” la cosa pubblica attraverso l’accessibilità totale delle informazioni relative all’organizzazione e all’attività delle pubbliche amministrazioni. Un obbligo di legge ma anche un obiettivo amministrativo – come ha ribadito la dottoressa Chiodarelli nella sua illustrazione - per realizzare forme di “controllo sociale”; attuare i principi di eguaglianza, imparzialità, buon andamento, responsabilità, efficacia ed efficienza nell’utilizzo delle risorse pubbliche; migliorare le performance delle pubbliche amministrazioni; preservare l’integrità e prevenire fenomeni corruttivi.

Nelle pagine pubblicate nella sezione i cittadini possono infatti trovare nel dettaglio informazioni sull’organizzazione, sui consulenti e collaboratori, sul personale del Comune di Rimini ma anche sui bandi di concorso, sugli enti controllati, su tutti i provvedimenti adottati, sui bandi di gara e contratti, sulle sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici elargiti, sui bilanci o sui beni immobili del Comune e sulla gestione del suo stesso patrimonio immobiliare o sui canoni di locazione o affitto. Ma oltre a queste si potranno trovare tantissime altre informazioni sui servizi erogati, ad esempio, sui pagamenti dell'amministrazione, sulle opere pubbliche o la programmazione dei lavori pubblici. Insomma una vera e propria banca dati che, per avvicinarsi agli obiettivi della legge, non basta pubblicare, ma mettere a disposizione dei cittadini fornendo le chiavi per leggere e utilizzare una tale ricchezza per la collettività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa mattina è stato possibile inoltre partecipare alle visite guidate dei palazzi pubblici di Piazza Cavour per conoscere dall’interno la storia e la vita degli antichi palazzi dell’Arengo, del Podestà e Garampi ancora oggi sede del Comune. Un’iniziativa gratuita curata dall’ufficio relazioni con il pubblico tutti i giovedì pomeriggio, proposta questa mattina con due appuntamenti per la Festa della Repubblica. Una copia dello Statuto Comunale e della Costituzione Italiana è stata poi consegnata a tutti i partecipanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento