Il Comune vende la rete del gas per pagare le nuove fognature

Rimini Holding ha accolto l'offerta economica presentata da Sgr Reti spa per l'acquisto della partecipazione societaria gestita finora in Servizi Città spa, sia attuale proprietario dell'impianto di distribuzione del gas nel territorio comunale sia gestore del servizio

Procede a Rimini l'operazione della vendita delle reti del gas per investire nella riqualificazione delle fogne. In questi giorni Rimini Holding ha accolto l'offerta economica presentata da Sgr Reti spa per l'acquisto della partecipazione societaria gestita finora in Servizi Città spa, sia attuale proprietario dell'impianto di distribuzione del gas nel territorio comunale sia gestore del servizio. L'offerta economica presentata da Sgr, unica società ad aver partecipato alla gara, è stata di otto milioni e mille euro, da pagare integralmente alla stipula del contratto di compravendita della partecipazione. 

In attesa di procedere con le verifiche legali sull'offerta, il Comune conferma dunque di anticipare un obbligo di legge (inserito nel "decreto Letta") che, nella realtà riminese, impone la vendita della proprietà dell'impianto al soggetto che vincerà la gara d'ambito per la gestione del servizio, in programma per la fine del 2015. La gara sarà indetta dal Comune di Rimini quale Comune capofila e riguarderà l'intero ambito territoriale minimo (45 Comuni nelle province di Rimini, Forlì-Cesena e Pesaro-Urbino). 

La decisione di anticipare la vendita è nata dalla volontà di avere risorse da destinare "alla realizzazione di investimenti strategici per la città, in primis il Piano di salvaguardia della balneazione ottimizzato", nota l''amministrazione. Una volta privatizzata, Servizi Città continuerà a gestire la distribuzione del gas fino a quando non subentrerà il nuovo gestore, pagando al Comune un canone di concessione pari a circa 3,5 milioni di euro all'anno. Dopo il 2015, per effetto delle norme del settore del gas, il nuovo canone che spetterà al Comune per la sola concessione del servizio sarà intorno ai 240.000 euro annui.
(Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento