Folle inseguimento, 3 nomadi minorenni in auto si schiantano durante la fuga

Lunedì di fuoco per i carabinieri che, dopo aver cercato di fermare un veicolo sospetto, hanno innescato una caccia all'uomo conclusasi con un incidente in viale Rimembranze. L'abitacolo pieno di attrezzi da scasso

Un vero e proprio Far West quello andato in scena nel tardo pomeriggio di lunedì che ha visto le pattuglie dei carabinieri innescare un folle inseguimento con una vettura sospetta conclusosi, dopo una mezz'ora di sorpassi e semafori rossi "bruciati", con uno schianto in viale Rimembranze verso le 19. Tutto è iniziato nei pressi della rotatoria del centro commerciale "Le Befane" quando una pattuglia dei carabinieri ha imposto l'alt a una vecchia Ford Fiesta con tre persone a bordo. L'utilitaria, in un primo momento, si è fermata ma quando il militare dell'Arma si è avvicinato al finestrino, il guidatore ha ingranato la marcia ed è fuggito a tutta velocità. E' così scattato l'inseguimento lungo le strade riminesi con il guidatore della Fiesta che, nonostante il traffico da ora di punta, ha ignorato semafori e precedenze nel tentativo di seminare la pattuglia dei carabinieri che, nel frattempo, ha fatto scattare l'allarme e chiesto il supporto delle altre gazzelle.

La fuga dell'auto, però, è terminata in viale Rimembranze dove, il guidatore, ha perso il controllo della Fiesta andando a schiantarsi contro la saracinesca di un garage e, solo per un soffio, non ha investito due pedoni che si trovavano sul marciapiedi. Subito circondata dai carabinieri, dall'abitacolo dell'utilitaria sono spuntati tre ragazzini nomadi, un maschio e due femmine, di appena 16 anni tutti già vecchie conoscenze delle forze dell'ordine per furti negli appartamenti e rimasti illesi nello scontro. Sul ragazzo, inoltre, pesava un mandato di arresto del 2013 in quanto, chiuso in una comunità per i suoi precedenti, era poi fuggito facendo perdere le proprie tracce. Nella Fiesta, sprovvista di assicurazione, i carabinieri hanno trovato numerosi attrezzi da scasso. Per il ragazzo sono quindi scattate le manette e trasferito nel centro di accoglienza di Bologna mentre, per le due ragazze, è arrivata la denuncia a piede libero per possesso di attrezzi da scasso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento