menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Rimini si costituisce il Fondo per il lavoro per aiutare chi è in difficoltà

Sarà destinato a creare occupazione, attraverso incentivi economici, per l'avvio di nuove attività lavorative emediante l'assunzione di persone disoccupate o inoccupate. La Diocesi di Rimini, mediante la Caritas diocesana, ha fatto la prima partecipazione destinando un contributo al Fondo di centomila euro

In un momento storico con una grave crisi occupazionale, nasce a Rimini la proposta di costituire un Fondo per il lavoro destinato a creare occupazione, attraverso incentivi economici, per l’avvio di nuove attività lavorative e mediante l’assunzione di persone disoccupate o inoccupate. Il soggetto che formalmente gestisce la raccolta fondi destinata al sostegno occupazionale è la Caritas della Diocesi di Rimini con conto corrente dedicato: IBAN IT87Y0628524206CC0068074294 (Banca Carim filiale San Giuliano Rimini) intestato all’associazione di volontariato Madonna della Carità. Sarà possibile aderire al Fondo anche tramite carta di credito e PayPal mediate un sito internet, www.fondoperillavoro.it. L’invito a contribuire è rivolto a tutti. Ciascuno può fare la propria parte, ogni libero cittadino, secondo le proprie possibilità. I lavoratori, le attività impreditoriali artigiane, industriali, del commercio e del terziario, le associazioni, le parrocchie, le istituzioni pubbliche e private, le banche, le associazioni di categoria e ogni persona di buona volontà. La Diocesi di Rimini, mediante la Caritas diocesana, ha fatto la prima partecipazione destinando un contributo al Fondo di centomila euro. Subito sono arrivate le prime adesioni di banche, aziende private e singoli cittadini. Molto importante in questa prima fase è anche la diffusione della conoscenza del Fondo. Ciascuno può fare la propria parte anche in questo senso, parlarne, far conoscere, diffondere con i vari mezzi di comunicazione personale, lettere, mail, social, messaggi, passaparola, ecc. Un gruppo di lavoro su base volontaria gestirà questa prima fase di comunicazione e raccolta.

Parallelamente un secondo “gruppo tecnico” di lavoro sta elaborando i progetti di sostegno al lavoro che verranno pubblicati a partire dal mese di gennaio 2014. L’obiettivo è chiaro: dare sostegno al lavoro di persone in difficoltà proprio perché il lavoro non ce l’hanno. Due i percorsi individuati: aiutare nuove attività imprenditoriali mediante un sostegno misurato nel tempo e aiutare l’inserimento lavorativo in azienda per persone disoccupate e inoccupate con l’assegnazione di borse lavoro. Compito del “gruppo tecnico” è elaborare appositi bandi che determinino i criteri di ammissione e di valutazione per le due modalità di sostegno al lavoro. Anche le Caritas territoriali svolgeranno un significativo lavoro di relazione e contatto con tutte quelle persone che vivono situazioni di difficoltà a causa della mancanza di lavoro. Sempre mediante la Caritas verrà istituito un apposito sportello informativo per verificare come attingere ad altri eventuali fondi (Comuni, Camera di Commercio, Regione, disposizioni legislati, ecc.), e ove possibile come servizio di valutazione e collegamento tra domanda e offerta di lavoro. A tutela della trasparenza e a garanzia per tutti coloro che aderiranno al Fondo con una propria donazione, è stato costituito un Comitato di Garanti composto dal Vicario Generale della Diocesi di Rimini, mons. Luigi Ricci, dal Prefetto di Rimini il dott. Claudio Palomba, dalla presidente del Tribunale di Rimini dott.ssa Rossella Talia, dal presidente di Eticredito dott. Maurizio Focchi e dal
professore Stefano Zamagni.

Tutte le persone impegnate nel Fondo, daranno la propria disponibilità a titolo gratuito. I contributi pervenuti, saranno quindi totalmente impiegati per le finalità del Fondo. Alle persone aiutate attraverso il Fondo verrà richiesto l’impegno morale di una graduale restituzione del “credito”, qualora vi siano le condizioni, come ulteriore richiamo alla solidarietà e per continuare ad implementare il Fondo in futuro, così da mettere in moto un circolo virtuoso di reciproca solidarietà

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento