Raffica di adesioni alla processione riparatrice per i "peccati" degli omosessuali

All'appello dell'associazione "Beata Scopelli" hanno aderito l'associazione San Michele Arcangelo e Forza Nuova

Raffica di adesioni alla processione riparatrice per i "peccati" degli omosessuali che, sabato mattina, sfilerà per le strade di Rimini. All'appello dell'associazione "Beata Scopelli" hanno aderito l'associazione San Michele Arcangelo e Forza Nuova. "La diffusione dell'ideologia omosessualista - spiega l'associazione San Michele Arcangelo - perfino appoggiata da istituzioni civili, l'ostentazione orgogliosa del peccato contro natura, la propaganda Lgbt che si insinua rovinosamente all'interno delle scuole minacciando la purezza dei bambini si associano purtroppo alla rivendicazione di presunti «diritti» che non discendono dalla legge naturale  «iscritta e scolpita nell'anima di tutti i singoli uomini» (Catechismo della Chiesa Cattolica, 1954; Leone XIII,  Lett. enc. «Libertas praestantissimum») ma dalla nefasta persuasione sull'umanità del  «drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra» (Ap 12,9). E' altresì motivo di particolare amarezza ravvisare che alcuni ecclesiastici, di fronte a questi gravi fatti, dimostrano ignavia, opportunismo politicantistico e tiepidezza  cercando di conciliare quel che è inconciliabile, cioè l'amore di Dio con l'amore del mondo per il quale il Signore non prega (Gv 17,9)".

"Tutti questi atti - conclude - richiedono una ferma denuncia  e la loro pubblica riparazione al Sacratissimo Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria, offesi dalla grave infedeltà degli uomini. Il doveroso rispetto di ogni singola persona, indipendentemente dal suo orientamento sessuale, non deve significare la rinuncia alla proclamazione del Vangelo fino ad annullarne gli inviti più esigenti in nome di un equivoco e falso misericordismo, ideologia umana pur attualmente «di moda» ma che scomparirà come tutte le altre ideologie umane che furono anch'esse «di moda» in altri tempi. La vera Misericordia Divina non è mai separata dalla Verità, né dalla Giustizia. Una delegazione dell'Associazione parteciperà alla Processione di Riparazione manifestando piena unità di intenti con lo stesso Comitato organizzatore".

Di tenore ben diverso è il comunicato di Forza Nuova con Desideria Raggi, responsabile nazionale dell'associazione Evita Peron, che annuncia la partecipazione alla processione del "Beata Scopelli". "Mi dispiace per gli organizzatori se pensavano che non saremmo intervenuti rovinandogli gli ultimi preparativi, ma potevano immaginare che non saremmo rimasti inermi a guardare l'ennesima grottesca carnevalata della depravazione che avrà luogo sul lungomare sabato pomeriggio - dichiara la Raggi senza mezzi termini. - Come l'anno scorso parteciperemo alla processione di Riparazione che si svolgerà nella mattinata di sabato: la famiglia è una sola, quella naturale, tutto il resto è frutto di allucinanti farneticazioni prodotte da menti deviate. Consumate le vostre perversioni tra le mura domestiche e non difronte a centinaia di persone, tra cui diversi bambini: loro vanno salvaguardati e protetti, non sono oggetto di compravendita per soddisfare i vostri capricci. Ci vedrete sabato mattina in processione e ci vedrete domenica a festeggiare l'unico istituto giuridico legittimo: la famiglia intesa come l'unione tra madre, padre e figli. Di fronte a pagliacci travestiti contronatura e alle istituzioni locali compiacenti e complici della distruzione della nostra società, c'è sempre un manipolo di donne pronte a difendere la famiglia e la tradizione."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento