Guerra per lo spostamento del mercato: le categorie annunciano l'agitazione

Fiva ed Anva bocciano la proposta del comune che non tiene conto delle esigenze di riqualificazione delle aziende

Il battagliero Comar, comitato che rappresenta la maggioranza dei banchi del mercato settimanale del centro storico, trova una sponda alle sue proteste per lo spostamento delle bancarelle in Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti. Dopo lo svolgimento della seconda commissione di venerdì 3 luglio e in vista del prossimo Consiglio Comunale che dovrà votare la delibera dell’assegnazione delle aree da destinare alla nuova dislocazione del mercato di Rimini, le associazioni di categoria, Fiva e Anva, vogliono lanciare un appello al consiglio comunale affinchè prima di votare abbiano verificato per bene che le suddette aree siano sufficenti per contenere tutti i banchi del mercato in un modo degno ovvero commercialmente compatibile con le esigenze delle moderne imprese che per svogere la loro attività necessitano di una misura minima idonea. 

"E' assolutamente inacettabile - scrivono le categorie in un comunicato - la proposta del comune che non tiene conto per nulla delle esigenze di riqualificazione delle nostre aziende ma propone le stesse metrature di quando al mercato si veniva ancora con il carretto. Da solo il trasferimento di un mercato comporta per tutti gli ambulanti un danno irreversibile, se a questo vengono aggiunte aggravanti come una metratura ridotta e una dislocazione frammentata e senza continuità significa compromettere seriamente le nostre aziende ovvero “perdere il lavoro… disastro.. fallimento” le associazioni hanno sempre cercato un dialogo con il comune ma ora sono veramente preoccupate e dichiarono lo stato di agitazione".

Presto convocheranno un’assemblea generale di tutti gli ambulanti per decidere il percorso più appropriato per difendere i posti di lavoro propri e dei loro dipendenti. "Ci appelliamo a tutti i consiglieri - proseguono i rappresentanti di Fiva e Anva - vi chiediamo di riflettere e di sospendere il giudizio in modo di avere più tempo per mettere in piedi una nuova e più completa strategia: vedi la possibilità di diminuire i posteggi indennizzando l’uscita". Le associazioni, conoscendo molto bene la zona in cui si posizionerebbe il mercato, sono preoccupate non solo per i propri associati, ma perchè sicuramente, dopo l’insediamento si verificheranno proteste da parte di chi si sente assediato ed impossibilitato a circolare: vedi le scuole  con genitori ed insegnanti, le famiglie che non potranno uscire da casa, il mercato coperto che venendo a meno il parcheggio davanti dovrà cambiare clientela con enormi difficolà nei rifornimenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quale sarà il costo e chi pagherà le conseguenze se dopo un certo periodo le proteste avranno successo e sarà necessario prepararsi ad un nuovo trasferimento? - si domandano. - Vorremmo ricordare che con un po’ di buona volontà si potrebbe riesaminare la nostra prima proposta che il comune rifiutò e prevedeva di rimanere tutti uniti nelle attuali aree occupando parte di via Bastioni Occidentali ed altre aree limitrofe, specialmente ora che risulta imminente chiusura del ponte di Tiberio. Giovedì 9 luglio votare a favore di questo trasferimento vuol dire prendersi una grossa responsabilità di fronte ai lavoratori del mercato e a tutta la città. Le colpe, i disagi, le proteste degli ambulanti e dei cittadini per aver voluto affrettare una decisione che non coinvolge ma stravolge una intera città dovrebbero pesare su tutti voi che avete deciso in tal senso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento