Rimini ha reso omaggio agli sminatori che bonificarono il territorio

Furono 8 su 23, infatti, gli sminatori del gruppo riminese che pagarono con la vita l’adempimento di quel gravoso compito di bonifica dei tanti campi lasciati minati dopo il passaggio del fronte

Si è svolto in occasione “Festa della Repubblica Italiana” l’omaggio di chi perse la vita bonificando il territorio riminese dalle mine che la guerra aveva lasciato. Furono 8 su 23, infatti, gli sminatori del gruppo riminese che pagarono con la vita l’adempimento di quel gravoso compito di bonifica dei tanti campi lasciati minati dopo il passaggio del fronte, ma che portò alla rimozione nel solo territorio riminese di oltre 100.000 ordigni. Un omaggio doveroso a Luigi Delucca, Primo Trudu, Aristide Gaiardi, Sergio Casadei, Dante Della Vittoria, Luigi Lattuada, Antonio Sartini, Giuseppe Venturi, promosso dal Circolo ricreativo operaio, dall’associazione Casa Colonica, dal gruppo Civivo di San Giuliano mare – deviatore Marecchia col Patrocinio del Comune di Rimini, che ha visto la posa di una corona a ricordo delle vittime attorno al cippo posto nel Parco Briolini di San Giuliano mare. Un ringraziamento particolare a Giovanni Pagliarani per aver restaurato con la sua capacità la targa posta a ricordo delle vittime “perché fossero cancellati gli orrori della guerra bonificando piane e monti dall’insidie della guerra”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento