Il Vescovo Lambiasi in Africa per ricordare l'impegno della missionaria Marilena Pesaresi

Il monsignore vola a Mutoko per visitare l'ospedale oggi diretto dal medico riminese Massimo Migani

Una foto d'archivio con la dottoressa Marilena Pesaresi

Il Vescovo di Rimini è partito mercoledì pomeriggio per Mutoko (Zimbabwe), per una visita alla missione diocesana e all’ospedale “Luisa Guidotti”. Per oltre 40 anni legata alla figura e all’opera della missionaria riminese Marilena Pesaresi, da tre stagioni la missione è diretta dal medico riminese Massimo Migani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il legame tra Mutoko e Rimini è molto saldo: nel corso dell’anno, la città del Paese africano è spesso meta di viaggi formativi di ragazzi e giovani della Diocesi, in particolare nei mesi estivi, coordinati da Missio. Inoltre Mutoko, la missione e l’ospedale accolgono anche gruppi di volontari che offrono il loro prezioso servizio per brevi periodi. È il caso – recente – dei volontari della parrocchia di Castelvecchio di Savignano. Insieme al Vescovo Francesco Lambiasi, è partita alla volta di Mutoko una delegazione riminese che comprende: don Aldo Amati, parroco di San Gaudenzo di Rimini; Tonino Pesaresi – medico, fratello di Marilena e una dei responsabili di Operazione Cuore nata proprio in seno alla missione di Mutoko – e la moglie Franca;
il dottor Leonardo Cagnoli, presidente della Fondazione Marilena Pesaresi onlus; Giorgio Casadei, ideatore e animatore di tante iniziative “Rimini for Mutoko”; Annarosa Nicolini, vedova di Luciano Chicchi.
La delegazione riminese resterà a Mutoko fino al 9 luglio. Sabato parteciperà al “Luisa Guidotti day”, 40esimo anniversario della morte della dott.ssa modenese, che ha speso la vita per l’ospedale “All Souls Mission” (prima di lasciare il testimone a Marilena Pesaresi), uccisa da mercenari bianchi durante la lotta per l’indipendenza, perché ha curato in ospedale anche soldati africani guerriglieri. Nella stessa occasione sarà ricordata con tutti gli onori anche Marilena Pesaresi, scomparsa il 29 dicembre 2018, all’età di 86 anni. “Il Leone che sa”, così era ribattezzata in Zimbabwe il medico missionario diocesano e direttore dell’ospedale civile di Mutoko, dov’era approdata per la prima volta nel 1986.
La Fondazione Marilena Pesaresi onlus aiuta l’opera missionaria di Marilena e ora di Massimo Migani, e lo fa già dalla seconda metà degli anni Ottanta, quando ancora si chiamava associazione “Verso Mutoko”, con interventi di vario genere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento