menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Albergatore fa il bullo con la Ferrari: inseguimento a 120 all'ora

Al volante di una Ferrari F430 bianca ha cercato di emulare Fernando Alonso per le vie di Rimini. Ma ha dovuto fare i conti con la Guardia di Finanza, che, al termine di un inseguimento, l'ha bloccato e sanzionato

Al volante di una Ferrari F430 bianca ha cercato di emulare Fernando Alonso per le vie di Rimini. Ma ha dovuto fare i conti con la Guardia di Finanza, che, al termine di un inseguimento, l'ha bloccato e sanzionato. Complessivamente sono stati elevati sei verbali per una lunga serie di contravvenzioni al codice della strada. Per l'automobilista, un gestore di un albergo di Rivazzurra, anche la decurtazione di 19 punti dalla patente.

Tutto ha avuto inizio mentre le Fiamme Gialle erano impegnate in un'attività di controllo sul lungomare. Ad un certo punto le attenzioni dei militari si sono focalizzate sul rombo della Ferrari, il cui conducente si dilettava in pericolose manovre ad alta velocità. I finanzieri a quel punto hanno intimato l'alt, ma l'automobilista ha schiacciato il piede sull'acceleratore. Si sono rese necessarie due pattuglie, una delle quali in borghese, per fermare il bolide di Maranello.

L'inseguimento si è protratto per circa tre chilometri, ad oltre 100 chilometri orari. A bordo della vettura il gestore dell'albergo aveva anche i figli di 5 e sei anni, senza cinture di sicurezza. L'albergatore ha diversi precedenti di polizia per truffa, ricettazione, furto e associazione per delinquere. La Ferrari, immatricolata a San Marino e di un valore di mercato attorno ai 150mila euro, è risultata intestata ad una società sanmarinese.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento