Rimini intitola una parte della Città ai Giusti

All’intitolazione farà seguito mercoledì 12 marzo, dalle ore 15 nella Sala del Giudizio del Museo della Città, un seminario di studi aperto alla cittadinanza, dal titolo “Insegnare la storia dei Giusti per un’educazione alla responsabilità individuale”

Si chiamerà il “Giardino dei Giusti” quella parte del parco XXV Aprile antistante il ponte di Tiberio che, con una cerimonia solenne, il Comune di Rimini in occasione della Giornata europea dei Giusti dedicherà giovedì prossimo a tutti coloro che durante la dittatura nazi-fascista non esitarono a rischiare la propria vita per prestare soccorso agli ebrei perseguitati. In tale occasione l’Amministrazione Comunale apporrà una targa commemorativa in ricordo di Ezio Giorgetti e Osman Carugno, nominati Giusti fra le Nazioni da Yad Vashem in Israele, e in ricordo di tutti coloro, uomini e donne, che tra il 1943 e il 1944 diedero rifugio e protezione sul territorio riminese e il Montefeltro a 41 ebrei stranieri in fuga dalle deportazioni.

“Con questo evento - ha detto l’assessore ai servizi al cittadino Irina Imola che ha promosso questo momento -  la città di Rimini conferma il proprio impegno non solo nel preservare la memoria della storia della deportazione e della Shoah a cui ha dedicato da cinquant’anni un progetto specifico di Educazione alla Memoria, ma anche la volontà di promuovere una politica di educazione alla responsabilità individuale, nella convinzione che al racconto del male e dell’orrore dei campi di concentramento e dei genocidi vada affiancato il ricordo del bene e dell’eroismo quotidiano. È necessario ricordare e onorare quella minoranza di uomini e donne comuni, che scelsero di non rimanere indifferenti ed ebbero comportamenti coraggiosi e solidali, per dimostrare che, la scelta secondo coscienza, anche in un contesto di brutale dittatura, è sempre possibile.”

Per decisione del Parlamento Europeo, infatti, dal 2012 il 6 marzo è ufficialmente “Giornata Europea dei Giusti”, in memoria di tutti coloro che scelsero di opporsi ai crimini contro l’umanità e ai totalitarismi. “Sono orgogliosa – ha proseguito l’assessore Imola - che Rimini possa celebrare per la prima volta la Giornata Europea dei Giusti e che questo sia stato realizzabile perseguendo l’obiettivo che questa Amministrazione ha assunto quando ha deliberato la nascita della Commissione Consultiva di Toponomastica, ovvero quello di riconsegnare alla Città, attraverso le intitolazioni segni e significati storici profondi.

Per questo le celebrazioni del 6 marzo inizieranno con l’inaugurazione di un luogo preciso, che verrà dedicato ai Giusti di tutte le Nazioni, ed in particolare ai Giusti della nostra terra: Ezio Giorgetti, albergatore ed Osman Carugno, Maresciallo dei Carabinieri e a tutti coloro che li aiutarono nel salvataggio dei 41 ebrei stranieri. Luogo che mi piacerebbe divenga simbolo di memoria, di responsabilità morale e di giustizia.

Solo custodendo la memoria particolare - prosegue l’Assessore - si può pensare di costruire una memoria universale. Questo progetto nasce proprio con l’intento di rendere omaggio ai Giusti e di rendere onore al Bene in senso Universale, operazione possibile solo attraverso il recupero della Memoria e che funga ad esempio per le generazioni future.”

All’intitolazione farà seguito mercoledì 12 marzo, dalle ore 15 nella Sala del Giudizio del Museo della Città, un seminario di studi aperto alla cittadinanza, dal titolo “Insegnare la storia dei Giusti per un’educazione alla responsabilità individuale”. Sono previsti interventi di storici e studiosi come Liliana Picciotto, Patrizia Di Luca e Gabriele Nissim, fondatore di Gariwo, La foresta dei Giusti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento