La lezione che don Giussani disegnava alla lavagna diventa una scultura dedicata al religioso

L'opera, situata al centro della rotatoria che porta al Palacongressi, è stata inaugurata alla presenza di tanti cittadini e delle autorità

Sono state tantissime le persone che questa mattina si sono date appuntamento in via della fiera per l’inaugurazione - alla presenza delle autorità civili e religiose - della scultura in memoria di don Luigi Giussani, situata al centro della rotatoria che porta al Palacongressi, all'altezza di via Monte Titano e via Simonini. La scultura, realizzata su progetto dall’architetto Marco Benedettini, ricostruisce lo schema che don Giussani tracciava alla lavagna, quando insegnava al liceo, per spiegare i termini del rapporto tra l’uomo e Dio nella storia umana e, in particolare, l’incarnazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il basamento e la parete di circa due metri di altezza sono in antiche pietre d’Istria, materiale di recupero da lavori di scavo e di proprietà comunale. Sui due lati sono stati apposti gli elementi dello schema grafico in acciaio cor-ten. Il manufatto è stato donato al Comune di Rimini. “Ci passiamo davanti tutti i giorni – ha esordito, nel suo intervento di saluto e ricordo, il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi - distrattamente, in auto, in moto, a piedi. Sono i luoghi della nostra vita che stiamo cercando di restituire alla dimensione del dialogo, dell’incontro, dell’identità. Don Giussani, a cui dedichiamo questo luogo identitario della nostra città, ha saputo cogliere, anticipandola, qualcosa che non c’era, ponendo lo sguardo del dubbio e della incertezza al centro di un percorso fatto negli anni di migliaia e migliaia di persone che qui si sono incontrate, confrontate, hanno dibattuto, crescendo insieme. Questa rotatoria rimette il mistero e le domande al centro del nostro quotidiano. L’uomo non è composto di certezze ma di dubbi. E le risposte vengono nel rapporto con l’altro. Per questo a Rimini stiamo costruendo piazze, luoghi fisici e non virtuali perché le persone sono fisiche e non fantasmi che si trovano nella rete. E questa rotatoria dedicata a don Giussani è una piazza che incrocia il nostro quotidiano. Distrattamente, da ora in poi una domanda ce la faremo passando di qui. E una risposta finalmente la cercheremo, arricchendoci”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Test sierologico gratuito, ecco le farmacie della provincia di Rimini che aderiscono

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento