La Regione finanzia tre progetti riminesi sui valori dell'Europa: approvata la graduatoria

Il bando da 280mila euro è volto a promuovere le iniziative presentate da enti locali, università e associazioni

L'assessore regionale Emma Petitti

Proprio in questi giorni la Giunta della Regione Emilia-Romagna ha approvato la graduatoria di un bando da 280 mila euro volto a promuovere tutte quelle iniziative, presentate da enti locali, università, associazioni e altri soggetti senza scopo di lucro, che mirano ad avvicinare i cittadini ai valori dell’Europa e diffondere la conoscenza delle radici storiche del progetto europeo. Tra i 24 progetti che sono stati ammessi al contributo regionale, tre interessano il territorio riminese. Si tratta del progetto “Diritti e doveri della cittadinanza europea nella sfida al cambiamento climatico” presentato dal Comune di Misano Adriatico, del progetto “Comunicare l’Europa” presentato dal Comune di Santarcangelo e del progetto “L’EU e il mare: una nuova narrazione per rafforzare la cittadinanza europea” presentato dalla Fondazione Cetacea Onlus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Minimo comune denominatore: la promozione del senso di appartenenza all’Unione europea e l’approfondimento sul funzionamento e sull’organizzazione delle istituzioni democratiche europee. “Un’iniziativa molto importante per capire le ragioni che ci hanno spinto a costruire questo percorso di integrazione settant’anni fa, per riflettere sui suoi valori e le sue potenzialità, e per contrastare le tante fake news che circolano.  – spiega l’assessora regionale al bilancio Emma Petitti -. Con questo bando abbiamo puntato, in particolare, a coinvolgere i giovani e a rafforzare la partecipazione dei territori alle politiche comunitarie e la loro capacità nel coglierne i vantaggi e le opportunità. Proprio su questo punto penso che la Regione possa essere un esempio virtuoso e d’ispirazione. Come ha certificato di recente la Commissione europea, l’Emilia-Romagna utilizza i fondi europei al massimo delle loro potenzialità, il che significa che sul nostro territorio vengono investiti 2.2 miliardi di euro per ridurre precariato e marginalità, per tutelare l'ambiente, per generare investimenti e nuovo lavoro. Al di là dell’aspetto tecnico, il dato dimostra come l’Europa possa rappresentare una fonte di crescita e sviluppo, diritti e buona occupazione. Le sue opportunità sono enormi. Abbiamo bisogno dell’Europa e per questo non dobbiamo farci ammaliare dalle sirene di chi cerca di indebolirla e screditarla”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto auto-moto all'uscita del sottopassaggio, gravissimo il centauro

  • Quattro bambini piccoli lasciati soli in casa, intervengono vigili del fuoco e polizia

  • Assembramenti e norme anti-Covid, imposta la chiusura di 5 giorni alla discoteca

  • Notte Rosa, il Samsara anticipa la chiusura per evitare assembramenti: "Non possiamo permetterci multe"

  • Il weekend si tinge di Rosa con un mare di concerti, spettacoli, degustazioni e cabaret

  • Coronavirus, nuovo decreto in arrivo: le regole e cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento