Dopo la passeggiata antiprostituzione, le lucciole tornano a lavorare sui viali

Controllate 17 giovani ragazze straniere, tutte tra i 19 anni e i 27 anni, di origine romena e bulgara, la maggior parte di loro già note all'Arma poiché identificate e controllate in passato. Nei guai anche i potenziali clienti

Il Comando Provinciale dei carabinieri di Rimini, in occasione dell’iniziativa promossa dai  comitati cittadini di Miramare per scoraggiare la presenza delle “lucciole”, ha predisposto un altro  servizio antiprostituzione che è proseguito per tutta la notte tra mercoledì e giovedì. Il servizio si è svolto dopo la lunga passeggiata sui marciapiedi di Miramare dei cittadini, quando i militari dell’Arma, dopo aver vigilato sul regolare svolgimento della manifestazione di protesta, hanno continuato a presidiare la zona. Sono state controllate 17 giovani ragazze straniere, tutte tra i 19 anni e i 27 anni, di origine romena e bulgara, la maggior parte di loro già note all’Arma poiché identificate e controllate in passato. Oltre alle prostitute al termine della “passeggiata” sono comparsi anche alcuni potenziali clienti, tra residenti e turisti, che visti i controlli serrati si sono allontanati. In tutto sono stati controllati 20 automobilisti de quali, 3, sono risultati in evidente stato di ebbrezza guadagnadosi così una denuncia a piede libero in quanto sorpresi alla guida con un tasso alcolemico superiore a 0.80 gr/lt

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento