Ladro acrobata scarcerato e nuovamente arrestato dai carabinieri per rapina

Il malvivente, nella notte tra giovedì e mercoledì, era precipitato da un tetto nel tentativo di rubare all'interno di un bar di Viserbella

E' durata meno di 24 ore la libertà per un malvivente marocchino che, dopo essere stato scarcerato in seguito a una rapina nella notte tra mercoledì e giovedì, è finito nuovamente in manette per un altro colpo la notte successiva. Il rapinatore, un 31enne, era stato arrestato una prima volta dalla polizia di Stato dopo essere precipitato dal tetto di un bar di Viserbella dove aveva cercato di mettere a segno un furto e, nonostante le lesioni, aveva poi aggredito il titolare del locale corso sul posto. Medicato in pronto soccorso e poi rilasciato dalla polizia, nella notte tra giovedì e venerdì è tornato nuovamente in azione cercando di strappare il borsello alla fidanzata di un carabiniere libero dal servizio. Il militare dell'Arma, che si trovava con la ragazza sulla spiaggia del Bagno 43 a Bellaria verso le 2, è però riuscito a bloccare il nordafricano e a chiedere l'aiuto dei colleghi che, arrivati sul posto, hanno arrestato nuovamente il 31enne. Processato per direttissima, è stato condannato a 1 anno e 4 mesi di reclusione da scontare in carcere

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento