Lavoro e disparità di genere: a Rimini calano le imprese agricole femminili e si fermano al 7,3%

"Donne in Campo Romagna" ha organizzato un incontro con numeri alla mano e richieste di sostegno per le imprenditrici

Le imprenditrici agricole romagnole hanno bisogno di più tutele e maggiore sostegno per poter svolgere la loro attività, così importante per la tutela e la crescita del territorio. Sono 443 le aziende agricole con titolari donne associate a Cia Romagna, che con l'associazione Donne in Campo presieduta da Stefania Malavolti vuole dare voce alle loro esigenze e lavorare per raggiungere piena parità, opportunità e diritti. 

Giovedì sera a Cesena, Donne in Campo Romagna ha organizzato la sua prima iniziativa pubblica sul tema dell'imprenditoria femminile agricola, inizio di un percorso di confronto con le istituzioni. Accanto a Stefania Malavolti sono intervenuti il presidente di Cia Romagna, Danilo Misirocchi, l'assessora regionale alle Pari opportunità Emma Petitti e la responsabile Servizi alla persona di Cia Romagna, Miriam Bergamo. 
Le donne imprenditrici, è stato ricordato, sono ancora troppo poche in Italia e Romagna: rappresentano il 22,6% delle imprese a livello nazionale, percentuale che scende al 20,6% se guardiamo al territorio di Forlì-Cesena, 20,9% a Ravenna, 21,9% a Rimini. Le imprese femminili agricole rappresentano a loro volta solo una piccola fetta di queste: sono il 17,9% di quelle femminili a Forlì-Cesena, 15% a Ravenna, 7,3% a Rimini, e dal 2017 al 2018 sono diminuite. 
“Come Donne in Campo Romagna abbiamo incontrato le imprenditrici agricole del territorio e raccolto i loro problemi ed esigenze – ha spiegato la presidente Malavolti -. Emerge la necessità di sostegno per donne che svolgono un lavoro autonomo con capacità e amore, capaci di inventarsi un'attività e innovare trovandosi a volte in condizioni difficili e territori marginali, dovendo conciliare lavoro e famiglia. Vogliamo gli stessi diritti delle dipendenti, o perlomeno non un divario così ampio come quello esistente oggi ad esempio in caso di malattia, assistenza ai familiari, gravidanza. Le donne in agricoltura riescono a fare reddito e a mantenere la famiglia sul territorio: questo significa anche creare comunità e mantenere vivo quel territorio. Vanno riconosciuti il valore che apportano e lo sforzo che fanno”. 
“C'è un divario da colmare con politiche sociali più efficaci, così come con le competenze, anche digitali – ha sottolineato Miriam Bergamo -. Servono normative previdenziali e assistenziali per agevolare l'imprenditoria femminile, occorrono servizi, dagli asili nido alle case per anziani. E occorre intervenire su istruzione e formazione incoraggiando le ragazze ad acquisire le stem, competenze tecnico scientifiche”. 
Il presidente di Cia Romagna, Danilo Misirocchi, ha ricordato che il programma di mandato rivolge un'attenzione importante  alle associazioni di persone che sono parte integrante della Cia (Anp, Agia, Donne in campo). “Su 8 presidenti territoriali di Cia Romagna, 3 sono donne. Donne in campo è importante perché è un veicolo per investire sempre di più le donne nella rappresentanza. Al di là delle quote che abbiamo previsto nei nostri organismi (30% di rappresentanza di genere), è infatti fondamentale creare percorsi che permettano alle donne di inserirsi”. 
“I problemi emersi in maniera molto chiara rispecchiano tutta la società e non solo il mondo dell'agricoltura – ha osservato l'assessora Petitti nel suo intervento di chiusura -. E' una questione culturale che riguarda tutti noi, famiglie, associazioni, comunità, e di cui non possono occuparsi solo le donne. Oggi tutto il carico familiare è sulle donne (36 ore contro le 4/5 ore che ricadono sugli uomini), e abbiamo bisogno di tutelare maggiormente chi oggi ha meno diritti, perché se le donne lavorano di più, l'economia cresce di più. Le imprese under 35 femminili agricole sono aumentate in questi anni, segno che c'è volontà, fermento, desiderio, potenziale per quello che possono dare per l'economia di un territorio. E' giusto pretendere normative avanzate. Le istituzioni in Emilia-Romagna hanno saputo fare la differenza su questi temi, ma la maternità è ancora elemento discriminante nel trovare il lavoro e nella carriera. Su questo dobbiamo insistere, investire e mettere insieme le politiche in maniera integrata (welfare, istruzione, lavoro...). Come Regione, infine, attraverso i PSR abbiamo messo a disposizione 58 milioni di finanziamenti per aziende agricole". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Bussano per eseguire lo sfratto, ingegnere si lancia dal terzo piano e muore

  • Falciata mentre passeggia con il figlio, mamma perde la vita

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Arriva l'ufficiale giudiziario per lo sfratto, professionista si lancia nel vuoto

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

Torna su
RiminiToday è in caricamento