Cronaca Centro / Piazzale Cesare Battisti

Le offre da bere e poi la stupra, arrestato un nordafricano

La presunta violenza sessuale si è verificata alla stazione ferroviaria di Rimini, vittima una ravennate

E' stato arrestato dalla polizia con le valige pronte per lasciare l'Italia un 25enne marocchino, regolare nel nostro Paese, accusato di violenza sessuale. Il nordafricano, secondo quanto emerso, lo scrso venerdì aveva incontrato la sua vittima nella zona della stazione ferroviaria. La ragazza, una 30enne che risulta residente a Ravenna, era in compagnia di un'amica e si erano incontrate con due nordafricani che avevano offerto loro del vino. Dopo qualche abbondante bevuta, il quartetto si era diviso e, la 30enne, aveva seguito il marocchino in una zona appartata dello scalo riminese frequentato da clochard in cerca di riparo. La ravennate si sarebbe quindi riparata sotto delle coperte abbandonate nei pressi del cantiere per il capolinea del Trc con il 25enne che avrebbe iniziato a muoverle delle pesanti avances. 

>> SEMPRE A RIMINI: PROFUGO TENTA DI VIOLENTARE UNA RAGAZZA PER STRADA (Leggi la notizia)

Secondo quanto poi denunciato dalla vittima, ai suoi rifiuti il nordafricano le avrebbe strappato pantaloni e slip per poi violentarla. Temendo per la propria incolumità, la vittima era poi scappata in cerca della sua amica per poi recarsi al pronto soccorso dove, i medici, le hanno riscontrato delle lesioni intime compatibili con la violenza subìta. La 30enne ha raccontato tutto alla polizia e, nella giornata di domenica, gli agenti sono riusciti a rintracciare il 25enne marocchino. Il nordafricano aveva già le velige pronte per tornare in Marocco e, nella sua abitazione, sono stati trovati cellulari, iPad e computer risultati rubati. Alla vista delle divise, lo straniero ha opposto resistenza ma è stato ammanettato e portato in Questura dove ha negato ogni addebito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le offre da bere e poi la stupra, arrestato un nordafricano

RiminiToday è in caricamento