Figli nati da utero in affitto, la Lega torna alla carica: "Il Comune ha dato una risposta strumentale, vuole guadagnare tempo"

Marzio Pecci: "In merito all'iscrizione all'anagrafe, il Prefetto dovrà annullare l'atto di registrazione per mancanza dei requisiti di legge"

Marzio Pecci, capogruppo della Lega, torna alla carica sul tema "gemelli nati da utero in affitto". "A seguito dell'interrogazione relativa alla 'Trascrizione anagrafe figli nati utero in affitto' - spiega Pecci - l’assessore Eugenia Rossi di Schio ha fornito la risposta dell’Amministrazione comunale. L'assessore afferma che prima della decisione dell’Ufficio dello Stato Civile di procedere all’iscrizione dei gemelli nati dalla maternità surrogata, gli stessi Uffici avrebbero interessato della domanda la Procura della Repubblica di Rimini “per acquisirne un’indicazione preventiva” e che ora, dopo la decisione della Suprema Corte, che conferma la impossibilità di registrazione all’anagrafe per i figli nati da utero in affitto, gli Uffici avrebbero chiesto ulteriori istruzioni alla medesima Procura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua Pecci: "La risposta fornita dall’assessore è insoddisfacente perché strumentale e volta, non solo a 'guadagnare' tempo, ma anche a far 'intendere' che la decisione sia stata condivisa con la Procura della Repubblica di Rimini (perché la Procura quando il controllo sui registri dell’anagrafe spetta al Prefetto?). La risposta dimostra che la maggioranza, pur di raggiungere uno scopo ideologico, non si è fatta scrupoli nel coinvolgere gli Uffici Giudiziari nel momento in cui la delicata la materia era sub judice. La Lega, conscia della normativa esistente, ha sempre sostenuto ed affermato, in ogni convegno ed in ogni dibattito pubblico, la illegittimità delle iscrizioni sia sotto il profilo etico-morale che giuridico e la Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 12193 del 2019, ha confermato ciò che la Lega ha sempre sostenuto. Ora la Suprema Corte ha posto fine alla questione ed il Prefetto, qualora non avesse ancora provveduto, dovrà annullare l'atto di registrazione per mancanza dei requisiti di legge".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento