rotate-mobile
Cronaca

Rimini Life, Ariminum: "Il piano del Comune si integra al progetto. Supermercato? Meglio del degrado"

I proprietari dell'area intervengono nel dibattito pubblico: "Sembra emergere che sia più importante non far costruire il supermercato, anche a costo di lasciare in piedi il degrado dell'ex Questura"

Ariminum Sviluppo Immobiliare coglie con favore il crescere del dibattito sul destino dell’area di via Bassi, laddove l’immobile dell’ex Questura da troppi anni attrae insicurezza e degrado e non amplifica la bellezza che Rimini merita. Ariminum è la società che si è aggiudicata l’asta pubblica e che sta immaginando, attraverso il progetto di Rimini Life, di dare un nuovo futuro all’area dell’ex Questura.

Secondo Ariminum c’è margine di confronto con l’amministrazione, mentre ribatte alla posizione assunta da Confesercenti. In particolare tra i punti rilevanti c’è la questione del nuovo possibile centro di media distribuzione, un nuovo supermercato che si inserirebbe nel contesto del nuovo quartiere. Il centro commerciale sarebbe fondamentale per la sostenibilità economico della riconversione urbanistica. Per questo motivo Ariminum risponde a Confesercenti: “E’ un intervento rispettabile, ma rispondiamo che esiste una legge sulla liberalizzazione del commercio che non può avere ostacoli pregiudiziali. Dialogo, confronto, analisi e responsabilità consentono un traguardo più aderente ai bisogni della città. In ogni caso l’area di via Bassi dal 1999 è conformata e attrezzata per ospitare una media struttura di vendita, come si evince dal piano integrato del 1999, dal Psc vigente e dalla manifestazione di interesse al Piers presentata dalla stessa amministrazione comunale”. E secondo i proponenti “Sembra emergere che sia più importante non far costruire il supermercato, anche a costo di lasciare in piedi il transatlantico di macerie che oggi tutti vediamo come una ferita sanguinante, lasciando via libera a microcriminalità e degrado. Si è davvero sicuri che la città voglia questo, o piuttosto non abbia più a cuore veder nascere il quartiere di Rimini Life”.

DIBATTITO - Area ex Questura, Confesercenti: "Basta realizzare supermercati"

Rispetto alle linee guida del Piers a cui il Comune ha aderito, presentando una manifestazione di interesse nel 2020, Ariminum sottolinea di aver rispettato i principi del Piers e che “lo sviluppo dell’area passa attraverso una condivisione di riqualificazione tra i soggetti proprietari: il Comune e Asi, come è altresì chiaro che l’ottenimento del finanziamento pubblico in favore della realizzazione delle residenze pubbliche e sociali prevede il rispetto di tutti quei parametri che hanno dato luogo all’attribuzione di specifici punteggi che hanno poi consentito al Comune di ottenere il finanziamento”.

E in conclusione Ariminum aggiunge: “La scelta delle funzioni pubbliche è derivata da un’analisi sociologica approfondita, ma non costituiscono una condizione imprescindibile, perché queste rientrano nei contenuti del dialogo che speriamo sia possibile a breve affrontare con l’amministrazione, prima di scegliere le funzioni più adatte. Abbiamo letto con interesse la nota sulla recente delibera di giunta, che ci conferma la volontà dell’amministrazione di aderire ad un progetto di riqualificazione che tenga conto del Piers, nonché dei desideri dei cittadini, per ora 124 questionari compilati a fronte di circa 22.000 abitanti residenti nella circoscrizione e 55.000 nel raggio di 5 minuti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini Life, Ariminum: "Il piano del Comune si integra al progetto. Supermercato? Meglio del degrado"

RiminiToday è in caricamento