Lo sfogo di un'albergatrice: "San Giuliano mare è una landa desolata, è difficile andare avanti"

"I clienti arrivano e alla sera non sanno dove andare, non c'è nulla da vedere se non negozi sfitti. Stiamo pendando di gettare la spugna"

Desolazione e sconforto sono gli ingredienti principali di un lungo sfogo che un'albergatrice di San Giuliano mare affida a facebook e alla pagina Sei di Viserba se. Premettendo che non è mossa da alcuna polemica, ma solo dalla necessità di un confronto vista la situazione, Sara Rovatti dell'hotel Serafini, lancia un appello sul quartiere.

"Sono un'albergatrice, da tre anni gestisco una struttura ricettiva a San Giuliano mare. Un'attività modesta ma portata avanti con incredibile fatica e passione e con un enorme amore per Rimini e soprattutto per San Giuliano. Purtroppo, questa che si appresta a finire, è stata una stagione veramente strana. Rimini è stata più vuota del solito e (statistiche alla mano) c'è stato un calo degli accessi notevole - scrive l'imprenditrice" -  Se Rimini registra un calo figuratevi San Giuliano" Sara ha deciso di scrivere il posto in seguito all'evento che si è tenuto sabato, "uno street food ridicolo per proporzioni, carinissimo per la presenza delle attività delle vicinanze e un bravissimo gruppo che si esibiva. Quattro bancarelle gastronomiche in croce dalla rotonda della Darsena al ristorante Laura (100 metri in tutto). Basta. Nient'altro. Darsena al buio. Nessun mercatino, pochissima pubblicità (una locandina lasciata alle strutture due giorni fa). Adesso voi mi spiegate come fa un'attività a sopravvivere in questo posto?"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua l'albergatrice: "I clienti arrivano e alla sera non sanno dove andare, non c'è nulla da vedere se non negozi sfitti. Non una sagra, un concerto, una serata danzante, uno spettacolo di qualunque tipo. Molo street parade, ruota panoramica, Passaggi di vini al Ponte Tiberio, Music festival. Da noi il traghetto che anche in alta stagione chiude prestissimo, lungomare buio alle 11 di sera, ristoranti chiusi (del resto per chi devono stare aperti?) Nessun evento sulla spiaggia... potrei andare avanti per ore. Vi prego aiutatemi a capire. Sono costretta a vendere le camere ad un prezzo ridicolo pur di avere un po' di movimento ma chi arriva poi naturalmente si lamenta. Devo organizzarmeli io gli eventi a San Giuliano perché i miei clienti possano almeno fare una passeggiata senza che si sentono in una landa desolata? Sono demoralizzata e molto sconsolata. Una fatica incredibile per stringere in mano nulla, non riuscire nemmeno a coprire le spese e pensare seriamente di gettare la spugna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento