Caccia di casa la moglie e la perseguita: arrestato

Perseguitava la moglie malgrado l’avesse cacciata di casa. Un imprenditore riccionese di 61 anni, residente a Misano, è stato arrestato sabato sera dagli agenti della Squadra Mobile

Perseguitava la moglie malgrado l’avesse cacciata di casa. Un imprenditore riccionese di 61 anni, residente a Misano, è stato arrestato sabato sera dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Il giudice ha disposto per l’indagato gli arresti domiciliari e il divieto di comunicare con altre persone, se non con le persone che vivono con lui, entrambi minorenni. La vittima è una romagnola di 33 anni.

La relazione era solida malgrado la differenza di età fino a quando, forse per motivi di gelosia, il marito l’ha cacciata di casa. Quindi ha cominciato a perseguitarla con appostamenti sotto casa e minacce. In un’occasione ha preso a sassate la macchina della donna, in un’altra ha minacciato i parenti che l'avevano ospitata. Poi ha anche terrorizzato la babysitter che aveva preso per accudire i figli nei due giorni a settimana concessi dalla legge alla 33enne.

Dopo le prime due denunce ai danni dell’uomo, nel periodo tra ottobre e dicembre scorso, la donna ha nuovamente chiesto aiuto alla Polizia. Il giudice, sulla base delle prove degli investigatori, ha firmato gli arresti domiciliari per l’imprenditore.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento