Maxi operazione antitarocco della Finanza, finiscono nei guai due aziende riminesi

Controlli in tutta Italia delle Fiamme Gialle, scoperta una vasta produzione di falsi che stavano per inondare il mercato

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino, al termine di un’articolata attività investigativa condotta nel settore del merchandising sportivo ed intensificatasi con la fine del campionato di calcio, hanno individuato diverse imprese dedite alla produzione di capi d’abbigliamento e gadget recanti marchi delle principali squadre calcistiche italiane ed europee, in particolare della Juventus, nonché di altro materiale falsamente “griffato”. Le attività operative dei Baschi Verdi del Gruppo Torino, risalendo la filiera produttiva/distributiva della contraffazione, hanno interessato le province di Bergamo, Lodi, Livorno, Como, Lecco, Rimini e Roma e si sono concluse con il sequestro di cinque fabbriche, delle quali una, sita nel comune di Lodi Vecchio (LO), completamente abusiva. Nel corso di quest’ultimo intervento è stato anche identificato un cittadino venezuelano irregolare che è stato denunciato e successivamente accompagnato presso il C.I.E. di Torino.

Il filone riminese ha visto le Fiamme Gialle controllare 3 aziende, due delle quali situate nel Gross di Rimini,  e in una di essa hanno trovato una ingente quantità di materiale taroccato oltre a tutti i macchinari e i cliché per riprodurre le copie. Nella seconda, invece, sono stati scoperti altri materiali giudicati interessanti dagli inquirenti. Il titolare della prima ditta, un italiano, si è visto sequestrare tutto il materiale per la realizzazione dei falsi, macchinari compresi, e gli stampi che riproducevano i marchi coperti dal copyright. In totale, le perquisizioni hanno consentito di sottoporre a sequestro 800.000 file e cliché relativi a marchi registrati, oltre 200.000 articoli contraffatti pronti per essere commercializzati, 600.000 etichette, nonché ben 90 macchinari industriali impiegati per la produzione del materiale illecito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine del servizio i 12 responsabili delle attività illecite sono stati denunciati per i reati di produzione ed immissione in commercio di articoli contraffatti. Tra i cliché e i file sottoposti a sequestro, anche quelli recanti marchi, nomi ed immagini di importanti artisti italiani e stranieri, tra i quali Fedez, Emis Killa, Vasco Rossi, Tiziano Ferro, ACDC, One Direction, i cui tour faranno a breve tappa nei maggiori stadi italiani. La produzione della merce contraffatta avveniva sulla base della programmazione dei principali eventi sportivi o musicali, così da soddisfare appieno le richieste del “mercato”. L’attuale produzione abusiva era destinata in particolare alla distribuzione di maglie da gioco della Juventus riportanti il numero e il nome dei calciatori più amati dal tifo bianconero, ordinate in vista degli imminenti festeggiamenti per la vittoria dello scudetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento