Il merchandising di Valentino Rossi è il più taroccato, scoperto il deposito

Blitz della Guardia di Finanza che ha messo sotto sequestro oltre 17mila prodotti tra abbigliamento VR46 e le magliette delle squadre di calcio

Foto archivio

Nei giorni scorsi, tra il ponte del 25 aprile e del 2 maggio, i finanzieri del Comando Provinciale di Rimini, durante l’esecuzione di un’operazione pianificata per il contrasto del fenomeno della contraffazione, hanno individuato due depositi dove hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro complessivamente oltre 17.000 prodotti contraffatti, tra capi d’abbigliamento sportivo ed oggettistica di varia tipologia. In particolare, a finire sotti sigilli, sono state maglie di calcio, cappellini, cuscini e sciarpe delle più importanti squadre nazionali e di club, cappellini “46” di Valentino Rossi e delle case automobilistiche di Formula 1, accendini e portachiavi con i loghi di squadre di calcio e di diverse marche automobilistiche. In un magazzino del Gros di Rimini, inoltre, le Fiamme Gialle hanno scoperto tutta l’attrezzatura tecnica, quattro presse, una stampante ed un personal computer, necessari a realizzare i capi taroccati.

L’attività di servizio, coordinata dalla Procura della Repubblica di Rimini, trae origine da un precedente controllo effettuato dai militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Rimini, ad esito del quale, oltre alla denuncia a piede libero di un commerciante al minuto operante sul lungomare della riviera riminese ed al sequestro di 280 pezzi di merce contraffatta, è stato rilevato, mediante l’analisi della documentazione contabile, il grossista, fornitore della merce sequestrata. I successivi approfondimenti investigativi, finalizzati a risalire la filiera commerciale del falso, hanno permesso di individuare i luoghi di esercizio del soggetto economico “fornitore” dei capi di abbigliamento precedentemente sequestrati. I finanzieri riminesi, pertanto, hanno rapportato ogni utile circostanza all’Autorità Giudiziaria, che ha delegato l’esecuzione di una perquisizione locale, che ha consentito di pervenire al sequestro dell’ingente quantitativo di merce contraffatta e degli strumenti tecnici utilizzati dalla ditta individuale di un imprenditore riminese per la produzione di tale merce al fine della successiva messa in vendita.

Le operazioni di servizio sono state condotte presso la sede dichiarata della ditta individuale in questione, un magazzino di medie dimensioni, nonché all’interno di un deposito del Gros di Rimini, ove la stessa aveva operato sino a poco tempo fa. L’attività di prevenzione e contrasto del “mercato del falso” continua ad essere un settore di
intervento di particolare rilevanza per le Fiamme Gialle, che con la loro opera contribuiscono quotidianamente a tutelare i consumatori e i commercianti onesti, come dimostrano gli interventi operati dai militari del Comando Provinciale di Rimini nei primi quattro mesi del 2017, che hanno consentito di sottrarre dal mercato oltre 125.000 prodotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento