Minorenni ubriachi al centro del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza

Dopo i recenti casi di coma etilico richiamo formale alle associazioni di categoria da parte del Prefetto di Rimini

Presieduto dal Prefetto Peg Strano Materia si è tenuta, nella mattinata di martedì, una seduta del Comitato provinciale Ordine e Sicurezza, cui hanno preso parte per il Comune di Rimini l’Assessore Sadegholvaad, i vertici delle Forze dell’Ordine ed i rappresentanti delle Associazioni di categoria del commercio e dei pubblici esercizi. Il Comitato è stato convocato allo scopo di proseguire il confronto sulle azioni intraprese e da intraprendere nell’ambito dell’attività di prevenzione e contrasto alla vendita di alcool ai minori. Il Prefetto ha rilevato come il fenomeno dell’abbassamento della fascia di età in cui viene assunto l’alcool sia innanzitutto di natura educativa e tale da dover indurre ad una attenta riflessione in merito la società tutta, a partire dalle famiglie e dalla scuola. Non potendo però assistere inerti ad un pericoloso diffondersi di consuetudini che attecchiscono tra i giovanissimi e che coinvolgono in particolare alcune tipologie di esercizi commerciali, il Prefetto ha richiamato l’attenzione sulla assoluta necessità di adottare iniziative di contrasto alla vendita di alcool ai minori, ritenendo tutt’altro che ineluttabile l’estendersi del fenomeno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le Associazioni di categoria presenti (Confcommercio e Fipe) hanno, pertanto, assicurato che avvieranno a breve una campagna di sensibilizzazione presso i propri associati rinnovando la sottolineatura in ordine  all’obbligo di verificare sempre ed in ogni circostanza l’età dell’acquirente mediante l’esibizione del documento di identità – richiesta che non comporta alcuna violazione della privacy ma che è finalizzata alla protezione dei soggetti vulnerabili quali sono i minori – cui dovrà conseguire, in caso di mancata adesione alla richiesta, il rifiuto della vendita di bevande alcoliche. Come sempre non mancherà il prezioso apporto delle Forze di polizia che, con il concorso della polizia locale, attueranno un’intensificazione di specifici servizi ed una mirata attività. Anche per i profili connessi alle modalità e alle abilitazioni commerciali, il Comune di Rimini sta elaborando un’apposita Ordinanza di imminente emissione sindacale che si propone espressamente l’obiettivo di arginare il fenomeno della vendita di alcool ai minorenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento