Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Piazza Giuseppe Mazzini

Modifiche alla viabilità: prima "vittima" per la chiusura di piazza Mazzini

Pullman di turisti stranieri rimane bloccato davanti alla chiesa di San Gaudenzo, commercianti e residenti: "servono cartelli di divieto d'accesso"

Con la chiusura di via Saffi, che di fatto impedisce di proseguire in direzione di Porta Montanara, iniziano i primi problemi per il traffico cittadino. La prima vittima della modifica alla viabilità è stato, mercoledì mattina verso le 9.30, un pullman di turisti stranieri rimasto bloccato nella curva. Il mezzo pesante, che si è trovato davanti l'obbligo di svoltare a sinistra per risalire via Montefeltro, date le ridotte dimensione del raggio di curva si è "arenato" tra i marciapiedi bloccando tutta la circolazione stradale. Solo dopo 20 minuti di manovre l'autista è riuscito ad uscire dalla situazione di stallo e, non senza difficoltà andando a invadee marciapiedi e aiuole, risalire lungo via Montefeltro. Residenti e commercianti di piazza Mazzini avevano già fatto presente, nei giorni scorsi all'amministrazione comunale, la necessità di un'adeguata cartellonistica e l'installazione di segnali stradali per istituire il divieto di accesso ai mezzi pesanti che, nella stretta curva di piazza Mazzini, sarebbero finiti inevitabilmente bloccati.

13232877_10209293087386638_1608031166968910763_n-2

Sono proseguiti a pieno ritmo dalla prima mattina gli interventi che porteranno entro sabato 28 maggio alla modifica radicale della viabilità nell’area che da Borgo Sant’Andrea arriva fino all’Arco d’Augusto.

Nella prima mattinata la ditta incaricata ha provveduto come da programma alla chiusura temporanea di via Saffi in prossimità dell’incrocio con via Circonvallazione meridionale. Un intervento strutturale che attua un provvedimento in vigore da tempo, ovvero il divieto di transito alle autovetture in vigore dal 1991.

La chiusura fisica dell’incrocio – le autovetture potranno continuare a proseguire su via Montefeltro fino alla riimmissione su viale Valturio, oppure svoltare su via Melozzo da Forlì per raggiungere via Bramante – consentirà nelle prossime ore lo spegnimento dell’impianto semaforico che rimarrà funzionante solo a chiamata per garantire il transito in sicurezza di cicli e pedoni. Non solo. Analogo intervento è previsto su via Bastioni meridionali davanti a porta Montanara. Anche qui sarà spento il semaforo, mentre a pedonale, interclusa alla circolazione dei veicoli, sarà destinata l’area tra le due vie dove attualmente si stanno completando i lavori di riqualificazione della pavimentazione.

In queste prime ore la chiusura di via Saffi non ha registrato particolari problemi se si eccettua la disavventura, prontamente risolta in pochi minuti, di un pullman gran turismo che proprio oggi si è trovato in difficoltà manovrando davanti al sagrato della Chiesa di San Gaudenzo. Parallelamente a quello su via Saffi, sono in corso gli altri interventi integrati che renderanno possibile la modifica della viabilità attorno all’area Fox, tra via Bramante e via Circonvallazione meridionale.

In questa zona, infatti, entro il 28 maggio la circolazione attorno all’area verrà invertita con la messa a doppio senso di circolazione del tratto di via Bramante, da via Melozzo da Forlì fino a via Circonvallazione meridionale. I veicoli provenienti da monte (da via Rosaspina o via Monte Titano) potranno così, utilizzando la nuova rotatoria appena realizzata, o svoltare a destra, o sinistra, sulla vecchia circonvallazione, oppure proseguire fino all’Arco d’Augusto, per poi giungere fino a via Roma sfruttando la nuova possibilità offerta dalla messa a doppio senso di circolazione di Largo Unità d’Italia. Ed è proprio davanti all’Arco d’Augusto che è stata impressa un’ accelerata ai lavori di realizzazione della nuova rotatoria che avrà il compito di regolare i flussi provenienti da via XX Settembre, via Bastioni orientali nonché Largo Unità d’Italia.

L’inversione del senso di rotazione attorno all’area Fox (da antiorario a orario) renderà inoltre possibile, grazie alla realizzazione di alcuni interventi di raccordo minori, l’istituzione di ben 45 nuovi stalli per la sosta oltreché adeguare alla nuova viabilità l’accesso e l’uscita del parcheggio “Bramante” e dai suoi 59 stalli di sosta, che insieme ai 50 del parcheggio Soleri – Brancaleoni a poca distanza, rafforzano la possibilità del parcheggio pubblico al servizio della zona d’attestamento al centro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modifiche alla viabilità: prima "vittima" per la chiusura di piazza Mazzini
RiminiToday è in caricamento