Mollata dall'amante lei si trasforma in stalker, pesante condanna

Finita la relazione clandestina, la donna diventa una furia e arriva ad inventarsi di essere rimasta incinta

Si è conclusa con una pesante condanna la vita d'inferno in cui, un 38enne, era finito dopo essere diventato l'amante di una 41enne. La storia inizia alcuni anni fa quando l'uomo conosce, sul luogo di lavoro, una procace 41enne e i due iniziano a frequentarsi fino a quando sboccia l'amore. La signora gli racconta di essere praticamente libera da ogni vincolo, perchè separata dal coniuge, e la relazione tra i due va avanti fino a quando, il 38enne, scopre una diversa verità. Non solo l'amante era regolarmente sposata ma, terminati i loro incontri, tornava a casa da marito e figli inconsapevoli della sua doppia vita. L'uomo, non accentando la situazione, decide quindi di troncare immediatamente la storia ma è a questo punto che la 41enne si trasforma in una vera e propria furia.

Come prima ritorsione, inizia a mandare una serie di messaggi all'ex amante sostenendo di essere rimasta incinta. Il 38enne cade ovviamente dalle nuvole e, preoccupato, inizia a chiedere una serie di delucidazioni ma, ad appena due giorni dalla notizia, la donna sostiene di esseresi rivolta a un ginecologo per praticare un aborto clandestino accusando quindi l'uomo di essere un assassino. Oramai nel vortice dell'ex, la vittima inizia a ricevere messaggi minatori a ogni ora del giorno e della notte dove, alle minacce, si alternano anche dichiarazioni d'amore e preghiere per riallacciare il rapporto. Oltre agli sms, il 38enne si ritrova messaggi di morte sul parabrezza dell'auto e, anche gli anziani genitori di lui, vengono tartassati di telefonate dalla donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione arriva quindi a degenerare tanto che, dopo la prima denuncia sporta dalla vittima, la 41enne viene prima ammonita per poi, nonostante il provvedimento, finire agli arresti domiciliari in seguito alla reiterazione di comportamenti persecutori. Rinviata a giudizio e finita a processo, nella giornata di mercoledì la signora è stata condannata a 1 anno e 6 mesi, 8 mesi la richiesta del pubblico ministero, con il giudice che ha disposto l'immediata esecuzione della pena salvo il pagamento di una provvisionale al 38enne che si è costituito parte civile con l'avvocato Ingrid Ilardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento