Cronaca

Naufragio del DiPiù, i corpi delle vittime restituiti ai famigliari

L'inchiesta della magistratura dovrà accertare chi ha materialmente dato l'ordine di salpare nonostante il meteo avverso

Arrivati all'altezza di Rimini è stata contattata via radio la darsena, per chiedere riparo dalla tempesta, e ottenuto il via libera il Bavaria, che aveva le vele ammainate e che procedeva a motore, ha puntato verso l'imboccatura del canale. Secondo le prime ipotesi, arrivato all'altezza della diga foranea il motore ha avuto un balck out e la barca, oramai ingovernabile, ha puntato di prua contro gli scogli venendo scaraventata più volte contro i massi che proteggono l'ingresso del porto. Nicolis è stato scaraventato contro la scogliera ed è stato il primo ad essere portato in salvo dagli uomini della Capitaneria aiutati da alcune persone presenti sulla palata. L'imprenditore, tuttavia, ha cercato disperatamente di portare in salvo anche la compagna, Alessia Fabbri, ma la donna è stata risucchiata dalle onde finendo in mezzo agli scogli dove ha perso la vita. Calvelli, invece, è rimasto incastrato tra i rottami dello scafo e la diga foranea ed è stato portato in salvo dai soccorritori dei vigili del fuoco e della Capitaneria di porto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Naufragio del DiPiù, i corpi delle vittime restituiti ai famigliari

RiminiToday è in caricamento