Università, l'80,6% dei neolaureati al Campus di Rimini trova lavoro entro un anno

Ogni anno circa 1.300 ragazzi si laureano a Rimini e negli ultimi dieci anni le aziende che collaborano per l'inserimento e i progetti lavorativi sono 200

La maggioranza dei neolaureati del Campus di Rimini ad un anno dal conseguimento del titolo ha già trovato un lavoro. La tendenza, che vede la realtà riminese spiccare in ambito regionale, trova conferma nei risultati del QS Graduate Employability Ranking, classifica realizzata nell’ambito del prestigioso QS World University Rankings per misurare i risultati in termini di occupabilità ottenuti dagli atenei di tutto il mondo e che vede l’Alma Mater nella top 100 delle università mondiali (84esima). Un risultato ottenuto anche grazie ai lusinghieri risultati dei laureati del Campus di Rimini.

L'indagine

Secondo l’indagine 2019 della situazione occupazionale dei laureati di AlmaLaurea, ad un anno dalla laurea lavora (o è impegnato in ulteriore formazione retribuita) l'80,6% dei laureati di secondo ciclo e a ciclo unico del Campus di Rimini, ben oltre la media dei laureati dell'università di Bologna pari al 73%, e alla media nazionale del 69,5%. Con riferimento ai laureati triennali, ad un anno dal conseguimento del titolo, lavora il 60,9% dei neodottori del campus riminese, contro la media nazionale del 40,6% e del 40,8% dell'Università di Bologna.

Per i circa 1.300 ragazzi che ogni anno si laureano a Rimini dunque ci sono ottime possibilità di trovare uno sbocco professionale nel giro di pochi mesi. Dati che confermano la stretta e virtuosa relazione che si è instaurata negli anni tra l’Università e il territorio. Questo risultato è anche il frutto delle sistematiche iniziative di orientamento degli studenti al mondo del lavoro intraprese dal Campus di Rimini dell'Alma Mater Studiorum, con focus tematici e approfondimenti settoriali realizzati in sinergia con l'ente di sostegno Uni.Rimini. Uni.Rimini negli ultimi 10 anni ha costruito un database di circa 200 aziende con le quali ha intrecciato relazioni per dare vita a svariati progetti mirati all’inserimento lavorativo (Cultura d’impresa, i Project Work del Curriculum in Service Management – Corso di Laurea in Amministrazione e Gestione d’Impresa, il corso per la preparazione all’Esame di Stato per i Dottori Commercialisti), oltre a collaborare all’interazione tra Campus di Rimini e Confindustria Romagna per dare attuazione al progetto di “tirocinio e tesi in azienda”.

“Le statistiche hanno scopo indicativo, ma confermano che la direzione è quella giusta – commenta il sindaco Andrea Gnassi – evidenziando ancora una volta come il tessuto imprenditoriale e sociale locale sia reattivo rispetto nuove competenze e nuove energie che arrivano dall’Università. Il radicamento dell’università a Rimini, attraverso corsi di studio strettamente legati all’economia e agli asset strategici di sviluppo del nostro territorio è indispensabile per una città, una Regione, che vuole crescere e guardare al futuro. Dobbiamo iniziare a pensare all’Università in Romagna come l’Università della Romagna e non come la somma dei singoli campus”.
"I dati confermano la bontà della strategia intrapresa da anni da tutti i Dipartimenti responsabili di attività formative nel Campus di Rimini – aggiunge il Presidente del Consiglio del Campus di Rimini Sergio Brasini - volta a caratterizzare in senso specificamente professionalizzante i percorsi di studio di ogni livello, con un particolare riguardo alla dimensione dell'internazionalizzazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Uni.Rimini ha contribuito a questo importante risultato attraverso un’attività decennale mirata a favorire il placement dei laureati del Campus di Rimini dell’Università di Bologna e mediante una serie di progetti quali ad esempio “Job Meeeting”, “Tirocinio e Tesi” e “Lavoro in Corso” – commenta Simone Badioli, Presidente di Uni.Rimini Spa – dobbiamo, inoltre ringraziare per la costante collaborazione i Soci di Uni.Rimini, in primis la Camera di Commercio della Romagna e Confindustria Romagna, che hanno contribuito alla costituzione di una rete di rapporti con le imprese del territorio creando così un data base di contattati profilati e di grande efficacia. Poter segnalare al territorio ed alla platea dei potenziali iscritti il dato dell’oltre 80% dei nostri laureati in condizione occupazionale positiva ad un anno dalla Laurea è motivo di orgoglio e un ulteriore stimolo a proseguire su questa strada che vede Unirimini spa impegnata nel delicato lavoro di collegamento tra Università di Bologna – Campus di Rimini e territorio riminese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento