Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Rimini non dimentica e ricorda i suoi Tre Martiri nel 77° anniversario

Cerimonia commemorativa per Mario Capelli, Luigi Nicolò, Adelio Pagliarani, che pagarono con la vita il loro desiderio di libertà

Con una cerimonia commemorativa la Città di Rimini ha ricordato questa mattina, nel 77° anniversario i suoi tre martiri, Mario Capelli, Luigi Nicolò, Adelio Pagliarani, che pagarono con la vita il loro desiderio di libertà. La commemorazione dell’eccidio dei Tre Martiri, trucidati dai nazifascisti, si è svolta questa mattina in piazza Tre Martiri, con la deposizione di due corone d'alloro al monumento ai Caduti e alla lapide bronzea in ricordo dei Tre Martiri e gli interventi della Banda Città di Rimini. In rappresentanza del Comune di Rimini erano presenti gli assessori Mattia Morolli e Jamil Sadegholvaad.

Il ricordo proseguirà in serata, alla corte degli Agostiniani, a partire dalla 21, con la premiazione della decima edizione del Premio Vincenzo Mascia. A seguire alle ore 21.30 lo spettacolo “Segre come il fiume”. Ispirato alla storia di Liliana Segre, sopravvissuta di Auschwitz dove venne deportata all'età di 13 anni, lo spettacolo è un'iniziativa promossa da ANPI Sezione di Rimini, col Comune di Rimini Attività di Educazione alla Memoria. Scritto e diretto da Antonio Tucci, interpretato da Alberta Cipriani e prodotto dal Teatro del Krak, lo spettacolo teatrale è liberamente tratto dai tre libri della Segre: “La memoria rende liberi” scritto con Enrico Mentana, “Fino a quando la mia stella brillerà” firmato con Daniela Palumbo ed “Erede della memoria è colui che ascolta”. L'ingresso è gratuito, con prenotazione obbligatoria (scrivendo a: rimini.anpi@gmail.com) e pre-assegnazione di un posto numerato, fino ad esaurimento posti.  All'ingresso dovrà essere esibito il green pass.

77 anniversario Tre Martiri 2-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini non dimentica e ricorda i suoi Tre Martiri nel 77° anniversario

RiminiToday è in caricamento