"Lei non sa chi sono io". E si becca la denuncia

Nei guai è finito un ex dipendente in pensione dell'Ausl, 64enne riminese, denunciato per usurpazione di funzione pubblica

E' andato su tutte le furie dopo che la cameriera l'aveva invitato cortesemente ad alzarsi dal tavolino per far spazio ad altri clienti in attesa di un posto a sedere poiché era rimasto seduto a lungo dopo aver finito la consumazione. E non contento ha mostrato un tesserino dell’Ufficio di Igiene dell'Ausl, chiedendo all'impiegata i documenti del bar. Nei guai è finito un ex dipendente in pensione dell'Ausl, 64enne riminese, denunciato per usurpazione di funzione pubblica.

L'episodio si è consumato nel primo pomeriggio di mercoledì in un bar di via Matteotti, dove il 64enne si reca quotidianamente. Come nelle altre circostanze, l'uomo ha chiesto la sua consumazione, sedendosi al tavolino. Quando ha finito è rimasto seduto più a lungo del solito. A quel punto la barista l'ha invitato ad alzarsi con cortesia per far posto ad altre persone in attesa. L'uomo non ha preso per bene la richiesta, lasciando il locale dopo una discussione.

Pochi minuti più tardi il 64enne è tornato al bar. Ha mostrato un tesserino dell'Ausl e ha chiesto alla cameriera i documenti. La donna a quel punto ha chiesto l'intervento del 113. L'uomo, identificato in un ex dipendente dell'Ufficio di Igiene Pubblica, è stato quindi denunciato a piede libero. In futuro dovrà quindi comparire davanti al giudice per rispondere dell'accusa di usurpazione di funzione pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento