Processo Carim: ancora un rinvio, si rischia la prescrizione del procedimento

Fissata al 5 aprile la parte dibattimentale del procedimento che vede imputati alcuni ex amministratori

Sarà il 5 aprile la data "zero" del processo agli ex amministratori della Cassa di Risparmio di Rimini quando, secondo quanto emerso in aula oggi, si aprirà la parte dibattimentale del procedimento che vede imputati alcuni ex amministratori. Tra questi l'ex manager Giuliano Ioni, ex presidente Cda, Alberto Martini e Claudio Grossi, direttore e vice direttore generale a giudizio per associazione a delinquere, e i membri del vecchio cda per falso in bilancio. Questa mattina, infatti, davanti al Tribunale collegiale di Rimini si è stabilito un nuovo rinvio oltre all'ammissione di Carim come responsabile civile e, quindi, chiamato a contribuire ai risarcimenti qualora si arrivasse a condanna. L'istituto di credito ha anche la veste di danneggiato e si è costituita come parte civile insieme ad una migliaia di azionisti che si sono visti evaporare il valore nominale delle azioni detenute, c'è chi ha perso anche 90 mila euro e oltre di risparmi di una vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Migliaia di parti civili per un processo che rischia di chiudersi con una prescrizione. Gli avvocati della difesa hanno chiesto di sentire tutte le parti civili perché secondo le tesi difensive proprio il danno subito, visto che le azioni non sono state rivendute, sarebbe da provare con le testimonianze e non solo con le carte. Carim inoltre si si é potuta costituire parte civile perché i fatti imputati agli ex vertici non hanno comportato un vantaggio per la banca stessa. Certo non hanno avuto vantaggi le migliaia di piccoli azionisti che sono rappresentati, tra gli altri, anche dal Condacons. Secondo la Procura, il Pm di indagini è Luca Bertuzzi, sarebbe un eccesso sentire tutte le parti offese, per le quali stamattina in udienza c'è voluta un'ora solo per l'appello. Il rischio prescrizione è dunque molto alto. Sull'ammussibilita o meno delle audizioni delle parti civili deciderà ad aprile il tribunale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento