menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un aiuto ai genitori: la Giunta approva un progetto dedicato all’asilo nido

“Il nido d’infanzia non è più solo un servizio socio assistenziale – spiega il vicesindaco e assessore alle politiche dell’educazione e della famiglia Gloria Lisi –, ma è diventato negli anni un vero e proprio contesto educativo al servizio dello sviluppo e del benessere del bambino"

“Il nido come contesto di educazione famigliare” è il titolo del progetto di Sostegno alla genitorialità studiato dal Coordinamento pedagogico comunale e approvato dalla Giunta. Il progetto ha lo scopo di aiutare gli educatori dell’asilo nido nel loro importante ruolo e nell’interazione con la famiglia, cercando di favorire una continuità educativa tra i due contesti sociali che rappresentano i primi ambiti di interazione di un bambino.

“Il nido d’infanzia non è più solo un servizio socio assistenziale – spiega il vicesindaco e assessore alle politiche dell’educazione e della famiglia Gloria Lisi – non è solo un supporto ai genitori e alle loro esigenze lavorative, ma è diventato negli anni un vero e proprio contesto educativo al servizio dello sviluppo e del benessere del bambino. Per questo motivo riteniamo sia importante investire risorse per fornire un aiuto alle famiglie nell’esercitare il sempre più difficile ruolo di genitori. Questo perché vediamo nei nidi comunali una particolare risorsa a sostegno della genitorialità, mentre in una logica di sistema integrato vediamo i nidi privati più capaci di svolgere le finalità della conciliazione tra i tempi di vita e i tempi di cura delle lavoratrici madri. A tal proposito sarà attivato un servizio di ascolto psicologico rivolto ai genitori e di osservazione del bambino nel contesto educativo gestito da professionalità messe a disposizione dall’Asl. Questo per attivare forme di alleanza ancora più sinergiche e incisive tra i genitori e il personale dei nidi comunali”.

La giunta dunque ha approvato le linee generali del progetto, dove sono già indicate le azioni principali che saranno sviluppate a favore di educatori e genitori. A supporto della professionalità dell’educatrice è stata pensata l’istituzione di un ciclo di incontri teorici sul tema della gestione del rapporto con i genitori. Inoltre saranno attivati gruppi di confronto ad hoc per approfondire il tema del rapporto che il bambino ha con l’ambiente nido. Anche per i genitori saranno organizzati dei gruppi di confronto, oltre all’istituzione di uno sportello di ascolto condotto da una figura specializzata e alla formazione di una equipe tecnica composta dal coordinamento pedagogico dei servizi educativi, uno psicologo e dall’Asl.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento