Ubriachi di gas, perquisite le case delle due referenti del gruppo: nel mirino pc e telefoni

La polizia postale sta controllando i dispositivi elettronici. Sulla pagina Facebook gli iscritti si dividono tra proteste e solidarietà

Le proteste sulle bollette del gas con l'arrivo della bella stagione sembrava si fossero calmate, ma il caso continua ad infiammarsi e per Mirella Guzzo e Marisa Grossi, ideatrici della pagina Facebook Ubriachi di gas, la battaglia continua. Sono state infatti perquisite le abitazioni delle due donne, da parte della polizia postale. Sono stati prelevati computer, telefoni e altro materiale utile alle indagini.

Le due donne, già indagate per diffamazione aggravata nei confronti di Sgr per alcuni post apparsi sul gruppo, sono al timone della pagina social nata per raccogliere la protesta di tanti cittadini infuriati per l’aumento delle bollette del gas di Sgr. La nuova ipotesi di reato sarebbe “turbata libertà dell’industria e del commercio" e gli inquirenti starebbero valutando se dietro il gruppo ci sia il progetto di trasferire in massa gli iscritti ad un altro fornitore di energia. L'azienda fornitrice del gas è assistita dall'avvocato Moreno Maresi, invece Mirella Guzzo e Marisa Grossi dal legale Giovanna Ollà.

Proprio lunedì mattina, a seguito di quanto accaduto, Marisa Grossi ha lanciato un appello agli iscritti alla pagina pregando di limitare le reazioni: "nessun riferimento alla politica, alle dittature e nessuna offesa. Nell' interesse di tutti noi. Non facciamoci del male, quanto sta accadendo ci turba molto, ma manteniamo il controllo. Il pericolo che venga oscurata la pagina è reale, può accadere da un momento all'altro". Marisa Grossi ha inoltre scritto che sono al lavoro per aprire la pagina facebook dell'associaizone Gruppo d'acquisto Ubriachi di gas: "A brevissimo sarà disponibile. Su questa nuova pagina pubblicheremo, a mano a mano, le convenzioni su cui abbiamo lavorato fino ad oggi che sono in fase di perfezionamento". Sono tanti gli iscritti che manifestano solidarietà e protestano per quanto accaduto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

QUI GLI AGGIORNAMENTI SULLA VICENDA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento