rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Alla sbarra due minorenni accusati di aver stuprato una 14enne sulla spiaggia

Il fidanzatino di lei e l'amico avrebbero approfittato della vittima durante una serata trascorsa a bere superalcolici sulla battigia

Una vicenda intricata quella che vede due ragazzi di Rimini, entrambi minorenni, accusati di aver stuprato una ragazzina che, all'epoca dei fatti, aveva appena 14 anni. Tutto inizia nel marzo del 2012 quando, secondo le ricostruzioni, i giovani avevano appena 15 anni e, insieme ad un amico, si erano incontrati con la vittima, fidanzata di uno dei due accusati, che aveva acquistato delle bottiglie di superalcolici. L'idea era quella di andare tutti quanti a bere in spiaggia ma, a un certo punto, qualcosa sembrerebbe essere andato storto. Pare, infatti, che la 14enne si sia tirata indietro suscitando l'ira del ragazzino. Secondo il racconto della vittima, a questo punto sarebbe stata afferrata dal fidanzatino e dal suo amico e, con il secondo che la teneva, costretta a subìre un rapporto sessuale.

La storia, però, presenta alcuni lati molto oscuri, che sono al vaglio del processo. La 14enne, continuando a frequentare il fidanzato, solo dopo un anno e mezzo avrebbe parlato del presunto strupro, durante un colloquio con una psicologa fissato dalla scuola per un cattivo rendimento negli studi. Al racconto, la psicologa è letteralmente saltata sulla sedia riferendo tutto a chi di dovere e facendo scattare l'indagine che ha poi portato i presunti autori della violenza davanti al giudice del Tribunale dei Minori di Bologna. Nella prossima udienza, fissata per aprile 2015, si terrà l'audizione protetta della ragazzina e gli avvocati dei due ragazzi hanno chiesto di acquisire il diario tenuto dalla presunta vittima dove annotava ogni cosa, tra cui i rapporti sessuali, ma non il presunto stupro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla sbarra due minorenni accusati di aver stuprato una 14enne sulla spiaggia

RiminiToday è in caricamento