Rapito e derubato da due acquirenti per una partita di cocaina fasulla

Arrestati dalla polizia due milanesi di 45 e 21 anni bloccati nella notte tra giovedì e venerdì

Il "pacco", rifilato a degli acquirenti, è costato il sequestro e la rapina a un marocchino 22enne che, nella notte tra giovedì e venerdì, è stato intercettato da due italiani che lo hanno bloccato. La rocambolesca nottata è iniziata verso le 00.40 nei pressi di piazzale Gondar quando, il nordafricano, ha fermato una pattuglia della polizia di Stato raccontando agli agenti di essere stato appena scaricato da due rapitori. Il 22enne ha spiegato che, poco prima, si trovava in un kebab insieme a un altro nordafricano ed era stato raggiunto da due italiani che cercavano della cocaina da acquistare. E' stato proprio l'amico che, secondo il racconto della vittima, aveva fornito 100 euro di "neve" ai clienti che si erano poi allontanati. L'acquisto, tuttavia, si era rivelato un "pacco" e, al posto dello stupefacente, il marocchino aveva rifilato ai due dell'aspirina tritata ma gli italiani, un 45enne e un 21enne di Carate Brianza, erano tornati per riavere indietro i soldi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vista l'assenza del pusher, i milanesi avevano così caricato a forza il 22enne nella loro Fiat Panda per partire alla ricerca dello spacciatore. Dopo una serie di "vasche" nei viali delle regine, non trovando il nordafricano che aveva venduto loro la cocaina, il 45enne e il 21enne si sono impossessati dell'Iphone 6 delo marocchino per poi scaricarlo in mezzo alla strada dove era stato poi trovato dalla polizia di Stato. Il 22enne, tuttavia, aveva avuto l'accortezza di memorizzare il numero di targa della Panda e di fornirlo agli agenti. Dai controlli è emerso che la Fiat era intestata alla sorella di uno dei due milanesi, residente a Rimini, nella cui abitazione il personale della polizia di Stato ha trovato il più giovane. Dalla perquisizione è spuntato l'Iphone 6 rubato al marocchino e, a questo punto, il 21enne non ha potuto far altro che confessare e indicare il posto dove si trovava il 45enne. Entrambi, quindi, sono stati arrestati per rapina aggravata e sequestro di persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento