menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primo giorno di pesca: torna il pesce fresco sulle tavole dei riminesi

Il primo giorno di pesca dopo il fermo regala poche gioie ai pescatori. Reti semi-vuote e prezzi alti non scoraggiano gli amanti della grigliata che affollano i banchi del Mercato Coperto

Segnali negativi per il primo giorno di riapertura della pesca in mare, dopo il fermo biologico che ha imposto lo stop ai pescherecci per 40 giorni, con reti semi-vuote che, tuttavia, non hanno scoraggiato gli addetti al settore. Come da tradizione oramai consolidata, il ritorno del pesce fresco sui banchi del Mercato Coperto è sempre una festa nonostante, i primi giorni, i prezzi tendano ad essere più alti del normale. A seconda delle dimensioni, triglie e canocchie si aggirano tra gli 8 e i 12 euro al chilo ma i prezzi non frenano i riminesi che hanno subito preso d’assalto la pescheria pur di gustare le prime grigliate.

“Come primo giorno, la pesca è stata deludente – spiegano i rivenditori – e i prezzi sono subito saliti anche se sono in linea con quelli che ci si può aspettare alla riapertura. Per fortuna, la qualità sembra essere molto buona e speriamo che nei prossimi giorni torni anche la quantità”. “Nonostante i prezzi – spiegano da un altro banco – i riminesi sono subito corsi a comprare il pesce fresco.

“Per me è ormai una tradizione – racconta una signora che ha appena fatto il pieno di triglie e canocchie. – Tutti gli anni, alla riapertura della pesca, la sera io e mio marito ci concediamo un’abbondante mangiata di pesce anche se è un po’ più caro del solito. Quest’anno la qualità mi sembra molto buona e speriamo che continui così e con i prezzi che, magari, si abbassino anche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento