menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Molo di levante si rifà il look: al via il restauro dei graffiti scoloriti dal maltempo

Al termine della prima fase, sull’accesso del camminamento della scogliera sarà posizionata una nuova segnaletica con le indicazioni dei divieti specifici per rendere sicuro il transito pedonale che sarà vietato solo in caso di forti e pericolose mareggiate

Saranno smontati e ricoverati nei magazzeni comunali i pannelli realizzati da Eron, che dal 2006 decorano il molo di levante del porto di Rimini intitolato a “Capitan Giulietti”. Un ‘graffito’ d’autore lungo quasi 200 metri che non ha saputo resistere alla forza degli agenti atmosferici e all'aggressione della salsedine in uno dei luoghi più cari ai riminesi, su cui ora è indifferibile intervenire.

“Una decisione maturata coi tecnici – ha detto l’assessore alla cultura Massimo Pulini che segue in prima persona il progetto – che se da una parte elimina la pericolosità dovuta al deterioramento delle strutture portanti dei pannelli, dall’altra riesca a salvaguardare, ma anche a valorizzare, l’opera di uno dei maggiori artisti contemporanei riminesi".

"Per certi versi – ha continuato l’assessore Pulini - i pannelli così incisi e segnati dalla natura e dal tempo hanno acquistato una nuova e ancor più potente forza artistica ed è per questo che, nei nostri progetti e in quelli dell’autore con cui stiamo conducendo l’operazione, il deposito dei pannelli sarà solo temporaneo in attesa di farli tornare a raccontare Rimini e la sua bellezza in un nuovo e diverso contesto scenografico.”

“Non tutti, però. Dal sopralluogo coi tecnici – ha proseguito l’assessore - abbiamo constatato che lo stato dei pannelli sul piazzale del porto sia sostanzialmente buono. Uno stato che ci permetterà di mantenerli al loro posto limitando l’operazione di rimozione e stoccaggio solo alla parte più segnata e pericolosa dei pannelli, ovvero quella che dalla sbarra del piazzale prosegue verso la punta del molo.” L’intervento sull’opera di Eron, che sarà condotta in collaborazione con lo stesso artista, è parte di un progetto più generale di decoro sul molo.

A quello sull’opera, infatti, dopo lo smontaggio dei pannelli farà seguito l’intervento di pulizia e di ripristino dei muri. La sostituzione degli arredi, panchine, cestini e la riasfaltatura del piazzale nella zona dove c'era l'ex libreria da parte d’Anthea completeranno la prima parte dell’intervento. Ma, oltre al piazzale e al molo, anche la nuova scogliera radicata sul molo di levante sarà oggetto d’intervento e riqualificazione, con lo scopo di renderla permanentemente fruibile a riminesi e turisti.

Con la consegna del cantiere, ha infatti avuto inizio l’intervento per l’adeguamento barriere architettoniche della rampa pedonale. Un intervento che consiste nella trasformazione in rampa della scalinata esistente sul camminamento posto alla sommità della nuova scogliera. La realizzazione sulla banchina del molo di due nuove rampe di lieve pendenza consentirà il completo abbattimento di tutte le barriere architettoniche mantenendo, nel contempo, in opera il cancello esistente.

Al termine della prima fase, sull’accesso del camminamento della scogliera sarà posizionata una nuova segnaletica con le indicazioni dei divieti specifici per rendere sicuro il transito pedonale che sarà vietato solo in caso di forti e pericolose mareggiate. L’importo complessivo dei lavori è di 31.594,17 euro, mentre il tempo contrattuale di esecuzione dell’intervento è di 45 giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento