Rotazione dei dirigenti e controlli incrociati sugli appalti pubblici: il piano contro la corruzione

Approvato il piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza contro i comportamenti irregolari nella pubblica amministrazione

Rotazione del 40% dei dirigenti e del 12% delle posizioni organizzative, lo spacchettamento dei procedimenti di affidamento degli appalti pubblici più importanti in modo da avere sulla medesima procedura l’intervento di due uffici diversi e realizzare così su di essi un controllo incrociato e un costante controllo per il rispetto del Codice di comportamento dei dipendenti. Inoltre, particolare attenzione posta sull’attività di monitoraggio degli accessi agli uffici comunali. Sono alcune delle azioni messe in campo nell’ultimo anno a prevenzione dei comportamenti irregolari nella pubblica amministrazione e riproposte nel Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza 2020-2022, approvato venerdì scorso dalla Giunta. Il piano prende in esame il complesso dell’attività gestita dal Comune ed evidenzia le azioni specifiche e le misure da proseguire o implementare, in continuità col percorso avviato già negli anni scorsi.

"Un’attività indispensabile e necessaria per il corretto funzionamento della macchina sia nel rapporto con i cittadini e la comunità che per i processi interni- è la dichiarazione dell’Amministrazione comunale di Rimini-. Il piano è frutto del lavoro di verifica e ricognizione puntuale dell’attività svolta, disponendo i correttivi strutturali affinché le criticità emerse non si verifichino nel futuro".

Le azioni

Un piano di azioni mirate che parte dalla revisione dell’assetto organizzativo dell’Ente completato nei primi mesi dell’anno passato (e proseguito con alcuni limitati, ma importanti aggiustamenti fino a fine anno) e che ha portato alla rotazione di un numero significativo di incarichi dirigenziali e di posizione organizzativa, anche in settori tradizionalmente considerati ‘ad alto rischio’ (ad esempio, il Settore Patrimonio, l’Ufficio Gare, l’Edilizia privata ed altri). In proposito va comunque ricordato che tali avvicendamenti di dirigenti alla guida degli Uffici più esposti sono anche il frutto del turn over del personale e del programma di reclutamento straordinario che l’Amministrazione ha avviato negli anni scorsi, ma certamente hanno contribuito in modo significativo alla rotazione. Infatti nel corso del 2019 si è determinata la rotazione (totale o parziale) di ben 8 dirigenti sui 20 in servizio pari al 40% degli incarichi dirigenziali. Sempre nel corso del 2019, a seguito delle modifiche organizzative introdotte, si è prodotta la rotazione di 4 delle 33 posizioni organizzative presenti nell’Ente, pari al 12% del totale.

Come richiesto dal Piano Nazionale Anticorruzione predisposto da ANAC, il Piano è stato elaborato dal Responsabile anticorruzione dell’Ente con la collaborazione e il coinvolgimento dell’intera struttura organizzativa ed ha comportato una nuova analisi dei rischi di eventi corruttivi, che è stata condotta su tutte le strutture organizzative presenti nell’Ente e con riferimento alle diverse attività ed ai diversi processi gestiti dai vari Uffici.

Prevenzione

Alla luce dei rischi individuati il Piano prevede poi alcune misure di prevenzione e contrasto dei fenomeni corruttivi che vengono denominate “contromisure centralizzate” (si tratta, cioè di azioni traversali ai vari settori e valide per l’intero Ente) ed altre che vengono denominate “contromisure decentrate” (che riguardano cioè singoli settori ed alcune tipologie ben precise di attività). Ad esempio, nella delicata materia di appalti, si è messo a punto una suddivisione dei procedimenti che vengono affidati alla responsabilità concorrente di diversi uffici: in concreto un appalto pubblico non viene mai gestito unicamente da una struttura, ma viene preso in carico nelle varie fasi da uffici diversi – ad esempio l’ufficio contratti a supporto dell’ufficio lavori pubblici che pubblica un bando per l’affidamento della realizzazione di un’opera – in modo che la stessa procedura sia di competenza di una pluralità di soggetti, con conseguente riduzione dei rischi derivanti dal fenomeno corruttivo.

Altra misura che verrà messa in campo è quella relativa al controllo e alla registrazione di tutti gli accessi del pubblico a quegli uffici più esposti al rischio, ad esempio quelli che sono interessati da appalti e gare o quelli che si occupano del rilascio di contributi. E’ in atto un meccanismo attraverso cui si traccia il flusso di presenze di pubblico, registrando nome di chi si reca all’ufficio, quanto tempo si trattiene e il motivo per cui ci si rivolge, consentendo così di accertare situazioni insolite e meritevoli di approfondimenti, come persone che frequentano certi uffici con troppa assiduità e verificarne il motivo.

Tra le altre azioni di prevenzione fondamentale importanza viene attribuita alla digitalizzazione dei procedimenti e dei processi. Nel corso del 2020 verrà attuata la digitalizzazione degli archivi dello Sportello per l’Edilizia, che era rimasta per quasi due anni bloccata da un ricorso, che solo in tempi recentissimi ha visto vittorioso il Comune sia in primo grado (TAR) che in appello al Consiglio di Stato. Continueranno anche nell’anno 2020 naturalmente anche i controlli sugli eventuali comportamenti scorretti del personale (controlli a campione di almeno il 20% delle certificazioni di malattia; la rilevazione delle presenze in tempo reale e segnalazione delle anomalie riscontrate ai dirigenti responsabili) e le segnalazioni delle infrazioni accertate all’Ufficio per i Procedimenti disciplinari. Nel 2019 sono state 8 le sanzioni disciplinari erogate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza 2020-2022 ed i suoi allegati saranno pubblicati sul sito Internet dell’Amministrazione nell’apposita sezione “Amministrazione Trasparente” (sezione “Altri contenuti” – “Anticorruzione”).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento