Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Viale Luigi Settembrini, 11

Ruba una apparecchiatura medica e cerca di rivenderla come cellulare

Denunciato a piede libero un 40enne riminese, preso grazie all'aiuto di un cittadino che ha dato l'allarme

E' andata decisamente male a un 40enne riminese, già noto alle forze dell'ordine e con un passato di tossicodipendenze, che ha rubato un prezioso strumento medico all'interno dell'ospedale "Infermi". L'uomo, dopo essersi introdotto nel reparto di Dermatologia, si è impossessato di un dermatoscopio del valore di 1000 euro e, com stampa 3 maggio-2dopo averlo fatto sparire nelle tasche, si è allontanato in tutta fretta tra le corsie. Poco dopo, nel cortile dell'ospedale, ha cercato di rivendere l'apparecchiatura ai passanti spacciandola per un cellulare di ultima generazione. Un cittadino, insospettito dalla proposta, ha guardato meglio l'oggetto e, oltre a rendersi conto che non era un telefonini, ha notato l'etichetta che ne attestava la proprietà dell’Ausl. Afferrato il dermatoscopio si è quindi diretto verso una guardia giurata, si trovava poco lontano, consegnandoglielo. Vista la mala parata, il 40enne si è allontanato in tutta fretta e, sul posto, è stato chiesto l'intervento della polizia di Stato. Gli agenti, grazie alla visione dei filmati delle telecamere a circuito chiuso, sono riusciti ad individuare il 40enne che è finito denunciato a piede libero per ricettazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba una apparecchiatura medica e cerca di rivenderla come cellulare
RiminiToday è in caricamento