Festa di San Valentino: affari d'oro per i fiorai abusivi agli incroci delle strade

Fin dalla mattinata di venerdì, i semafori delle principali strade riminesi sono stati assaltati dagli extracomunitari che, armati di mazzi di fiori, ricordano agli smemorati innamorati di comprare un regalo alla propria fiamma

Se qualche smemorato si fosse dimenticato che oggi è il giorno di San Valentino ci hanno pensato i venditori abusivi a ricordargli la ricorrenza. Fina dalla mattinata di venerdì, infatti, i principali incroci riminesi si sono popolati di uno stuolo di improvvisati fiorai che, armati di mazzi di rose, proponevano la loro merce agli automobilisti di passaggio. Un servizio particolarmente apprezzato, pare, da chi si è ricordato solo all'ultimo minuto della festa degli innamorati e che non ha avuto il tempo per passare da un fioraio. Gli affari sono sembrati particolarmente floridi tanto che, all'incrocio tra via Roma e via Tripoli, i venditori abusivi hanno smerciato interi sacchi di mazzi di fiori con le scorte che, già a metà pomeriggio, si erano sensibilmente assottigliate tanto da temere che, con il traffico del rientro, ulteriori smemorati non troveranno più fiori abusivi da acquistare. Di forze dell'ordine nemmeno l'ombra anche se, l'unica problematica riscontrata, sono state le file al semaforo con gli automobilisti impegnati a contrattare sul prezzo della composizione floreale che variava tra i 5 e i 10 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento