Scavi in piazzetta San Martino, trovati due ossari e i resti dell'antica chiesa

I reperti si trovano nella porzione nord est rivolta verso Via Beccari mentre la parte centrale verso il retro del Fulgor risulta rimaneggiata in epoche recenti

Piazzetta San Martino, nel cuore del centro storico, è un cantiere a cielo aperto, dove si lavora a pieno ritmo per realizzare il Museo Fellini (l'intervento del quarto stralcio). Gli scavi hanno però riportato alla luce resti archeologici dell’antica chiesa di San Martino e della sua area cimiteriale. I lavori condotti da Hera,  con sorveglianza archeologica, per la realizzazione dei sottoservizi, hanno portato alla luce ritrovamenti importanti: tracce di muri e due strutture cilidriche forse riconducibili a ossari. I reperti si trovano nella porzione nord est rivolta verso Via Beccari mentre la parte centrale verso il retro del Fulgor risulta rimaneggiata in epoche recenti. Ora si provvederà ad eseguire uno scavo archeologico di tipo stratigrafico per delimitare la struttura della Chiesa e definire le sue caratteristiche, come richiesto dalla Soprintendenza di Ravenna. Ciò richiederà di rivedere il progetto della lama d’acqua e dell’installazione prevista dai progettisti del Museo Fellini a centro piazza; le modifiche saranno fatte di concerto con la Soprintendenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rischio archeologico era già stato evidenziato in fase progettuale, anche se in alcuni punti i resti sono in aree più superficiali rispetto a quanto ipotizzato. Il cronoprogramma del cantiere aveva comunque già previsto organizzazioni alternative dei lavori, in modo da consentire sia il prosieguo delle attività di posa dei sottoservizi nelle altre porzioni dell’area di intervento, sia la prosecuzione degli approfondimenti archeologici. Le modifiche progettuali relative al posizionamento della lama d'acqua prevista in Piazza San Martino, verranno apportate di concerto con la Soprintendenza e i progettisti del Museo Fellini incaricati a seguito di Bando Pubblico, valutando le soluzioni più opportune e compatibili con i ritrovamenti emersi, nel rispetto del cronoprogramma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento