menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un viaggio studio in Polonia organizzato nell'ambito dei progetti del Comune di Rimini (foto d'archivio)

Un viaggio studio in Polonia organizzato nell'ambito dei progetti del Comune di Rimini (foto d'archivio)

Rimini scelta come "città della Memoria 2021": le arti si mettono in moto tra nuove sfide e incontri

L'immagine dell'edizione dedicata a Liliana Segre. Tra le iniziative un'azione civile in ricordo di Primo Levi con la lettura in dieci lingue diverse di Shemà tratto da 'Se questo è un uomo'

La città di Rimini coinvolge tutte le arti e i saperi quest'anno nelle celebrazioni della Giornata della memoria del 27 gennaio. Dalla storia alla letteratura, dal teatro alla musica, dal disegno alla testimonianza, dalla radio alla fotografia. Dal 22 al 31 gennaio saranno dunque molte le iniziative per ricordare le persecuzioni antiebraiche e la Shoah. Un fitto calendario di iniziative che si collega alla scelta di Rimini, su proposta del ministero dell'Interno e in accordo con l'Unione delle Comunità ebraiche, quale luogo di riferimento nazionale per il prossimo Giorno della Memoria, da parte del Comitato di Coordinamento per le celebrazioni delle iniziative in ricordo della Shoah costituito alla Presidenza del Consiglio. Ricevuta la notizia il prefetto Giuseppe Forlenza ha immediatamente informato il Comune e attivato un nucleo ristretto. "La scelta di Rimini come Città della Memoria 2021 ci riempie di orgoglio", commenta il sindaco Andrea Gnassi, un "riconoscimento" che è anche "responsabilià per fare di questa ricorrenza civile un'opportunità di incontro quanto mai necessario con la storia e tra le persone, seppur in maniera virtuale". D'altronde, gli fa eco la vicesindaco Gloria Lisi, "una società democratica ha bisogno di occasioni pubbliche di riflessione e di dibattito sui grandi temi della condizione umana e sono soprattutto i giovani a risentire della disgregazione della socialità".

Furono almeno 9000 i cittadini italiani deportati dalla Penisola e dall’isola di Rodi per essere uccisi nelle camere a gas, per la “colpa di essere nati ebrei”: 776 eran  bambini e solo 25 sono sopravvissuti. Tra loro, la giovanissima Liliana Segre, a soli 13 anni, e oggi senatrice a vita, straordinaria testimone degli orrori di Auschwitz che ha onorato la Città di Rimini in più occasioni con la sua presenza, incontrando migliaia di studenti. A lei è dedicata l’immagine scelta per il Giorno della Memoria 2021: una farfalla gialla che vola oltre il filo spinato, evocazione di libertà e di speranza, ma anche del coraggio di scegliere la vita in ogni situazione. La senatrice quando incontrava i giovani durante le conferenze ripeteva: "Siate sempre la farfalla gialla che vola sopra ai fili spinati".

memoria - 2021-2

Le iniziative

Il programma delle iniziative, entra nel dettaglio Laura Fontana, responsabile dell'Attività di Educazione alla Memoria, va in due direzioni parallele: da un lato lo studio del contesto e della grande storia, dall'altro, l'approfondimento della storia locale. Il tutto tra seminari e incontri di formazione per insegnanti e studenti.

Tra gli appuntamenti la diretta streaming dal Teatro Galli, martedì 26 gennaio, dal titolo "La Shoah in Italia: vittime, carnefici e salvatori. Conoscere la storia per educare alla responsabilita' individuale nel presente". Alle 18 verà aperta la mostra online "1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia". Oltre alle presentazioni di libri di testimonianze, albi illustrati per ragazzi o romanzi per la gioventù, il calendario di appuntamenti presenta anche un incontro online con la storia della presenza ebraica locale; un'azione civile dedicata a Primo Levi, attraverso la lettura in dieci lingue diverse di Shemà, tratto da 'Se questo è un uomo'; l'esecuzione di Kaddish di Maurice Ravel. Il 27 gennaio al Teatro degli Atti andrà in scena lo spettacolo L'istruttoria, dal testo omonimo di Peter Weiss. Completano il programma diversi appuntamenti radiofonici su Radio Rimini Ora dal 25 al 31 gennaio, con interviste, trasmissioni storiche e il racconto teatrale sulla memoria del nazismo in Germania, A km. 20. L’efferratezza nella vita quotidiana, di Ute Zimmermann in collaborazione con la Compagnia Korekané.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Pizza integrale in padella da preparare a casa

Alimentazione

I 10 food trend del 2021, più attenzione a salute e ambiente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento