Sexting nelle scuole medie, gli insegnanti chiedono aiuto alla polizia

L''invio di immagini sessuali con il cellulare è diffuso anche tra i ragazzini. L'ispettore Mariacarla Tavella: "Ci sono troppi giovani che conoscono i siti per adulti"

Si chiama sexting ed è l'invio di testi o immagini sessualmente espliciti con il cellulare o via internet. Un fenomeno sempre più diffuso che tocca anche i ragazzi più giovani. A Rimini, in alcune scuole medie, le insegnanti hanno chiesto aiuto alla Polizia locale, al fine di spiegare i pericoli a cui si va incontro divulgando i propri scatti intimi. Le occasioni di dibattito sono state diverse grazie alle lezioni tenute durante il progetto "Ragazzi in Comune, per un uso sicuro e consapevole dei social network", che la polizia porta avanti negli isituti scolastici.

Un video per combattere il sexting

"I docenti ci hanno sollecitato a parlare di questo tema, è molto sentito - spiega Mariacarla Tavella, Ispettore superiore di polizia - ci sono stati casi anche in una prima media. Abbiamo spiegato agli studenti che un'immagine inviata può diventare virale e non si può tornare indietro, ma soprattutto che tutto quello che si pubblica in rete e sui social diventa di proprietà della rete. Abbiamo realizzato anche un video che spiega bene cosa può accadere e tutti hanno reagito con grande partecipazione. Parlando con i ragazzi abbiamo scoperto che non sanno cosa sia un adescamento e lo abbiamo spiegato. Sembra incredbile ma è così, c'è ancora molto da fare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Agli alunni è stato anche distribuito un questionario dove veniva chiesto loro quali social usano e conoscono, fra cui i classici facebook e instagram. Le risposte finali hanno lasciato però di stucco gli agenti: "Abbiamo scoperto che su 800 studenti delle medie circa il 4% di loro conosceva dei social dove avvengono contatti per incontri a sfondo sessuale. Per noi è una percentuale alta. In queste piattaforme si può venire in contatto con chiunque e gira materiale di ogni tipo. E' necessario stare molto attenti e avere consapevolezza dei pericoli e delle trappole in cui si può cadere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento