Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Stazionarie le condizioni di Gessica ma l'occhio resta sempre molto grave

La 28enne riminese ha trascorso una notte tranquilla nel reparto Grandi Ustioni del "Bufalini" di Cesena

Seppure la prognosi resta riservata, sono stazionarie le condizioni di Gessica Notaro la 28enne riminese ricoverata al centro Grandi Ustioni del "Bufalini" di Cesena dopo che la ragazza è stata aggredita con del liquido corrosivo al volto. Ad impensierire di più i medici del nosocomio cesenate è l'occhio sinistro della ragazza, già finalista a Miss Italia e attualmente addestratrice dei leoni marini al Delfinario di Rimini, colpito in pieno dall'acido e dal quale rischia di perdere la vista. Ad essere portato in carcere per l'aggressione, sottoposto a fermo di polizia con le accuse di lesioni gravissime aggravate da premeditazione, futili motivi e crudeltà è l'ex fidanzato dalla 28enne, Edson Jorge Tavares Lopes detto “Eddy", 29 enne originario dell'isola di Capo Verde, con il quale la ragazza aveva avuto una relazione durata un paio di anni.

> IL VIDEO DELL'ARRESTO

Una storia burrascosa tra i due e che, già in passato, aveva visto il ragazzo protagonista di una serie di violenze nei confronti di Gessica. Sarebbe stato proprio il comportamento violento del 29enne a far finire la relazione tra i due nella primavera dello scorso anno ma, nonostante Gessica lo avesse lasciato, Tavares non si era rassegnato all'idea di perderla. A far montare la gelosia del capoverdiano, inoltre, il fatto che la sua ex ragazza frequentasse altri giovani dopo la fine della loro storia. Il suo comportamento gli aveva portato una denuncia per minacce nei confronti di alcuni connazionali e, successivamente, una seconda denuncia per atti persecutori presentata da Gessica. Questo secondo deferimento era sfociato in un ammonimento del Questore nei confronti del 29enne e un ordine del giodice a non avvicinarsi alla ragazza.

===> Segue

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazionarie le condizioni di Gessica ma l'occhio resta sempre molto grave
RiminiToday è in caricamento