Sovraffollamento abitativo: adottati dal Comune 55 provvedimenti di sgombero

"Non si può dunque chiudere gli occhi - conclude l'Amministrazione comunale - davanti a questo lato oscuro di una seppur minoranza di cittadini che traggono un illecito profitto lucrando e di fatto alimentando un circolo criminoso"

Sono 55 tra il 2014 e i primi sette mesi del 2015 i provvedimenti adottati o in corso di adozione per lo sgombero degli appartamenti in cui sono state riscontrate situazioni di sovraffollamento abitativo, a seguito delle verifiche disposte dall’ufficio igiene del Comune di Rimini, in collaborazione con l’Ausl e la Polizia Municipale.

“Da tempo l’Amministrazione Comunale - commenta in una nota palazzo Garampi - ha alzato il livello di attenzione rispetto ad un fenomeno che ha connotati ben chiari. Scorrendo infatti l’elenco dei provvedimenti emessi lo scorso anno e nei primi sette mesi del 2015 emerge come tutte le ordinanza di sgombero siano a carico di proprietari di immobili italiani, in buona parte residenti a Rimini, che affittano i propri locali nella stragrande maggioranza dei casi, almeno 45 casi su 55, a cittadini stranieri; persone che accettano di vivere in ambienti non idonei e spesso con condizioni igieniche al limite. Gli immobili sono in gran parte localizzati in zona mare, a sud come a nord, nel quale sono ospitati inquilini provenienti in particolare dal nord Africa, dal Senegal, qualcuno dai paesi dell’Est. Gran parte delle ordinanze sono state inoltre emesse durante i mesi estivi, tra giugno e settembre. Fatto salvo qualche caso legato a violazioni di tipo più strettamente edilizio, i dati sono un’ulteriore conferma di come il fenomeno del sovraffollamento abitativo sia legato anche a quello dell’abusivismo commerciale. Non a caso, spesso durante i diversi controlli che la Polizia Municipale e le forze dell’ordine conducono a contrasto del commercio irregolare sulle spiagge, ci si imbatte in situazioni di sovraffollamento al limite, tali da mettere a repentaglio la salute e il benessere degli stessi occupanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non si può dunque chiudere gli occhi - conclude l'Amministrazione comunale - davanti a questo lato oscuro di una seppur minoranza di cittadini che traggono un illecito profitto lucrando e di fatto alimentando un circolo criminoso, che Istituzioni e forze dell’ordine stanno cercando di sradicare. L’Amministrazione quindi continuerà senza sosta con controlli e sopralluoghi, non solo perché importante deterrente nella battaglia all’abusivismo commerciale, ma prima ancora perché è un dovere di una comunità civile far sì che venga garantita una condizione dell'abitare rispettosa della dignità dell'individuo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Bimbo muore a nove anni, il sindaco: "Abbiamo perso tutti un pezzo di cuore, ci sarà il lutto cittadino"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento